TANTI RAGAZZI MARSICANI IN PISTA PER IL I° PALIO DI ATLETICA LEGGERA DI AVEZZANO

di Claudio Di Giuseppe

AVEZZANO – Il Palazzetto dello Sport di via Bolzano ha ospitato, oggiil “Primo palio di atletica leggera” riservato ai ragazzi delle scuola medie. Vede quindi la luce un interessante progetto per ragazzi portato avanti dalla squadra del professor De Micco dell’ A.S.D. USA sporting club, realtà sportiva pluridecennale sul territorio marsicano. Infatti, sono loro gli unici artefici di questo progetto, come sponsor e organizzazione, che vuol cercare di incrementare il rapporto con l’atletica leggera per i ragazzi in età adolescenziale. Ed al primo tentativo, si è partiti subito oltre le aspettative, come ci tiene a precisare l’organizzatore ed istruttore tecnico Danilo Buongiovanni.

L’intento, in effetti, era proprio quello di coinvolgere sia tesserati che nuovi potenziali atleti, ed il primo risultato è stato una partecipazione di una settantina di iscritti per le categorie in gara (che vanno dalla gara di velocità al lancio del peso).

Questo significa lavorare sul territorio e nelle scuole per il team dell’USA sporting club; ed il lavoro con i ragazzi è stato il centro di questo evento. L’organizzatore così evidenzia il significato di questo evento: «È importante attingere da realtà prolifiche come le scuole medie (ed anche qualche 4°-5° elementare) per ottenere un proficuo risultato nello sport. E di giovani a cui dedicarsi il territorio marsicano è pieno».

L’affermazione trova conferma nella risposta e nella partecipazione all’evento, poiché si hanno iscrizioni di studenti di scuole medie di Avezzano (Collodi-Marini, Corradini-Pomilio, Mazzini-Fermi, Istituto Sacro cuore di Avezzano, Vivenza),I.C. Sabino di Capistrello, scuola Di Girolamo di Magliano ed anche Statale di Tivoli. Forte del successo di questa giornata di sport, l’USA sporting club prevede una replica con un incremento della partecipazione dei giovani per una sana crescita sportiva.

Ed anche se sul podio ci sarà un solo vincitore, si respira un clima di stretta collaborazione tra giovani avversari, mai nemici. Questo anche il fine ultimo dell’allenatore: «La competizione deve tornare ad essere giocata per la medaglia, per celebrare lo sport, non per motivi lontani dall’idea di sport».

Un sincero “in bocca al lupo” dal nostro giornale ai ragazzi ed alle ragazze, grandi protagonisti di questa domenica. All’anno prossimo!

Annunci