CARO AUTOSTRADE. AVEZZANO E L’AQUILA FUORI DALLA DELEGAZIONE CHE DOMANI INCONTRERÀ IL MINISTRO

CARSOLI Una riunione dei giorni scorsi del Comitato dei Sindaci

di Pierluigi Palladini

CARSOLI – Caro autostrade, domani sarà il grande giorno dell’incontro fra i Sindaci Abruzzesi e Laziali  e il Ministro dei trasporti, il 5 Stelle Toninelli, per discutere della vicenda aumenti dei pedaggi sulle autostrade abruzzesi.

Ieri il Comitato dei Sindaci di Abruzzo e Lazio si è riunito a Carsoli ed ha deciso i componenti della delegazione che andranno dal Ministro e, dopo aver deciso di seguire il criterio di chi è stato sempre parte attiva e presente in questa battaglia, il Comitato ha subito escluso dalla delegazione Avezzano e L’Aquila, oltre a Sulmona che non ha mai preso parte nemmeno teoricamente alla protesta. Come noto, i primi cittadini di queste città costituirono il comitato degli Amici del Tè che però non riuscì a concludere proprio un bel niente con il gestore Toto.  Fra i tre brillò per Assenza proprio il Sindaco di Avezzano che, nonostante fosse il maggiore interessato, ebbe, ha e continua ad avere un atteggiamento snobistico nei confronti di questo comitato. Pare sia a causa di una sua scarsa propensione ai sit-in di protesta.

CARSOLI La Sindaca Velia Nazzarro

La delegazione è composta da presidenti di comunità montana e sindaci e il comitato ha cercato di portare davanti al Ministro un rappresentante per ogni territorio coinvolto. Questi i nomi: per l’Abruzzo Velia Nazzarro, Sindaco di Carsoli, Alfonsino Scamolla rappresentante per la Valle del Giovenco e la Provincia dell’Aquila in quanto consigliere provinciale, e Rinaldo Seca per il teramano. Per il Lazio ci saranno Luciano Romanzi, Luigino Testi e Beniamino Pandolfi. Gli altri Sindaci che decideranno di essere ugualmente presenti attenderanno l’esito dell’incontro sul piazzale davanti al Ministero, tutti con le fasce tricolori a dare una veste di ufficialità all’iniziativa.

A nessuno degli “Assenti” ingiustificati, in buona sostanza, è stata data l’opportunità di fare passerella dal Ministro e tutti i comuni ed i territori sono stati trattati con lo stesso metro e, quindi, il più grande ed il più piccolo dei comuni coinvolti, sono stati soppesati solo in base ad attività, presenza e impegno profuso, in questi mesi di lotta, contro l’aumento ingiustificato ed indiscriminato dei pedaggi autostradali da parte del gestore.

L’azione del Comitato dei Sindaci, però, non finisce qui. Al fine di non abbassare la guardia, infatti, il Comitato stesso, pur in presenza dell’apertura del Ministero sull’accesso agli atti ai singoli cittadini, ha comunque dato mandato ad un gruppo di legali di presentare ricorso contro il diniego ricevuto come istituzioni. Questo per non abbassare la pressione sul Ministero anche in presenza delle centinaia di richieste presentate, da singoli cittadini dei due territori regionali, al Ministero stesso.

Ora non resta che attendere l’esito di questo incontro e comunque restare vicino e sostenere questo gruppo di Sindaci Coraggiosi che hanno dimostrato come la dignità di una lotta si manifesta attraverso l’impegno costante di ognuno, senza cedere di un millimetro. Ma questo, per altri, è un discorso pressoché incomprensibile.