PORTA UNA CANZONE SULLA FERMENTAZIONE ALCOLICA, ALL’ESAME DI MATURITA’ PER FUTURI PERITI AGRARI

di Ferdinando Mercuri

AVEZZANO – Ci vuole “estro e fantasia”, e una buona dose di “coraggio”, per presentarsi all’esame di maturità con una canzone per tesina. Ma alla fine, è arrivato il meritato premio con l’applauso da parte della Commissione esaminatrice. E non si trattava di un Liceo Musicale, ma bensì dell’Istituto Tecnico Agrario “Serpieri” di Avezzano, ad indirizzo “Vitivinicolo”. Matteo Sangiacomo, il candidato alla Maturità, impegnato, tra l’altro, nello studio della viticoltura, delle biotecnologie vitivinicole e dell’enologia ha pensato bene di presentare la tesina in musica. Carta e penna…e spartito, ha messo in musica tutta la tecnica della “fermentazione alcolica” e, chitarra a tracolla, si è esibito davanti alla Commissione. Ne è venuta fuori una canzone orecchiabile, da titolo “la fermentazione”, con un testo altamente scientifico. Il futuro Perito Agrario conta di diffondere la sua canzone soprattutto nelle enoteche e nelle location adatte. Intanto, il motivo, dal ritornello accattivante, è già sulla bocca di tantissimi.

Ma non è stata la sola performance alla maturità del Tecnico Agrario “Serpieri” che ha positivamente sorpreso. Francesca Di Marco, altra candidata, si è presentata all’esame con una bottiglia di vino Zaccagnini, illustrandone tutto il processo di vinificazione e di coltivazione della vite. Addirittura si è intrattenuta anche nella degustazione.

Insomma, la Maturità al “Serpieri” ha sfornato preparatissimi futuri Periti Agrari, con un 100 di Giovanni Pascucci. Complimenti a tutti dalla nostra redazione.