AVEZZANO – Ci arriva e pubblichiamo il comunicato stampa dal Responsabile CISL FP sanità Marsica Giuseppe Capoccitti: – «Come cittadino prima ancora che come sindacalista della sanità sento il dovere di esprimere il mio personale  parere sul problema dei  tagli degli alberi di piazza del mercato di Avezzano. Senza entrare nel merito della scelta politica, ritengo comunque inconcepibile abbattere alberi secolari in salute per ristrutturare una piazza.

Non si tratta di tifare a favore o contro, non si tratta di essere di destra e/o di sinistra, si tratta semplicemente di buon senso e il buon senso indica la via giusta da attuare che è quella di costruire comunque la piazza senza tagliare gli alberi.

Alberi che per la comunità Avezzanese rappresenta  un valore storico oltre che affettivo. Pertanto come cittadino e come sindacalista invito il commissario del comune di Avezzano di recente nomina a valutare se non sia il caso di rivedere il progetto per la sola parte dove viene previsto  l’abbattimento degli alberi e costruire la piazza senza creare uno scempio che vedrebbe tanti cittadini contrariati.

Personalmente ho partecipato al sit-in in piazza del mercato ed ho apprezzato l’impegno e l’amore per la propria città di tanti cittadini che lottano per salvaguardare un bene che sentono loro. Ho rivisto in loro i tanti lavoratori che purtroppo spesso si trovano ad affrontare e lottare per la salvaguardia del posto di lavoro.

Un plauso va a tutti questi cittadini che civilmente si sono raggruppati e che da diversi giorni sono radunati presso la piazza, ma un altrettanto plauso va all’unico gruppo politico e cioè il Movimento 5 stelle che ha intrapreso l’iniziativa dimostrando di avere una sensibilità e una tenacia senza eguali superiore anche ai cosiddetti gruppi ambientalisti che di fatto sono stati assenti al di la di qualche sporadica apparizione.

Ai rappresentanti locali del movimento va riconosciuto questo merito e se oggi gli alberi secolari della piazza del mercato non sono stati ancora tagliati è grazie a loro e ai tanti cittadini che hanno dimostrato di avere un cuore e un’anima.»