SANITA’. IL SINDACO DI PESCINA ACCUSA: «ASL E REGIONE VOGLIONO CHIUDERE I PICCOLI OSPEDALI. DANNO A CITTADINI E LISTE DI ATTESA INFINITE»

PESCINA – Durissimo J’Accuse pubblico del Sindaco di Pescina, Stefano Iulianella, a dirigenza della Asl 1 e alla Regione Abruzzo. L’accusa è quella di voler far morire per inerzia i piccoli ospedali, concentrare tutto altrove a tutto danno dell’assistenza sanitaria sul territorio, del servizio sanità pubblica ai cittadini con la conseguente diminuzione del diritto alla salute per i cittadini stessi della Marsica che vedranno, inesorabilmente, allungarsi le già ingiustificabili liste di attesa anche per prestazioni di una certa serietà ed urgenza.

Nicoletta Verì

Simonetta Santini

Rossella De Santis

Il J’Accuse Iulianella lo ha messo nero su bianco in una lunghissima lettera, che vi offriamo integralmente, indirizzata all’Assessore Regionale alla Sanità dottoressa Nicoletta Verì, al Direttore Generale F.F. Asl 1 dottoressa Maria Simonetta Santini, al Responsabile dell’Area Distretti della Marsica dottoressa Rossella De Santis e al Responsabile del PTA di Pescina dottoressa Anna Maria Franchi e nella quale, senza giri di parole, il Sindaco di Pescina elenca carenze croniche, attrezzature non cambiate o non riparate, richieste inevase o inascoltate fino ai recenti ultimi tagli che mettono ancora più in difficoltà l’ospedale di Pescina.

Questa la lettera integrale del Sindaco di Pescina Iulianella: «Alla luce degli ultimi, inaccettabili tagli alle prestazioni sanitarie erogate all’interno del Presidio Territoriale d’Assistenza (ex Ospedale Serafino Rinaldi) di Pescina, nonostante i numerosi inviti rivolti e purtroppo rimasti inascoltati, da parte di questa Amministrazione Comunale, alla Direzione Generale  dell’ASL 1 Abruzzo nella persona della Dott.ssa M.S. SANTINI rivolti a convocare un tavolo tecnico per affrontare congiuntamente le criticità di alcuni servizi e di alcune prestazioni erogate, la carenza sempre crescente del personale e la precarietà delle strumentazioni ormai da sostituire, è necessario un chiarimento, a questo punto dallo scrivente richiesto pubblicamente, da parte della Azienda Sanitaria affinché siano noti a tutti i cittadini non solo della nostra Comunità ma dell’intero bacino della Valle del Giovenco, le vere intenzioni e i reali progetti che a breve potrebbero gravare come una scure sulla struttura sanitaria del P.T.A. di Pescina.

Stefano Iulianella

Ultima in ordine di tempo è la soppressione di un servizio, quello Endoscopico, che da circa 10 anni  è presente tra quelli erogati con continuità all’interno del Presidio e che tra i pazienti ha avuto enorme riscontro ed apprezzamento, visti i numeri elevati delle prestazioni effettuate; un servizio che sicuramente risponde alle più recenti esigenze della Sanità Pubblica Nazionale, quelle di fornire l’attenzione massima all’attività sanitaria rivolta alla prevenzione delle malattie, anche alla luce della forte incidenza di patologie tumorali che purtroppo, da studi statistici e riscontri scientifici, attanagliano sempre più il territorio della Marsica.

Da questo mese di luglio non sarà più possibile effettuare esami endoscopici all’interno del Presidio di Pescina, tant’è che le 600 prestazioni annue finora assicurate dal servizio, insieme a quelle altrettanto numerose del Presidio di Tagliacozzo che subiranno la stessa inesorabile sorte, andranno a gravare sul servizio presente all’interno dell’Ospedale di Avezzano con un conseguente allungamento dei tempi delle liste d’attesa già di per sé non in linea con gli standard richiesti ad una sanità efficiente con il conseguente venir meno delle finalità di prevenzione  proprie dell’esame endoscopico.

Giova ancora ricordare, a chi purtroppo usa poco gli esercizi di memoria, la chiusura di alcune prestazioni ambulatoriali o, nel migliore dei modi, la drastica riduzione delle ore a disposizione di ogni singolo Medico specialista che di fatto hanno reso quasi nulla l’attività oggi prestata negli ambulatori del P.T.A.  L’ambulatorio di Senologia, di estrema importanza considerati i numeri elevati di malattie tumorali che colpiscono soprattutto le giovani donne del nostro territorio, purtroppo non è più attivo da tempo a causa di una indisponibilità temporanea del sanitario che per l’occasione non è stato mai sostituito;  l’ambulatorio ove si effettuavano, fino a pochi mesi fa, visite vascolari con annesso esame Eco-doppler che permette lo studio morfologico e funzionale dei vasi arteriosi e venosi ha cessato le proprie prestazioni a seguito del pensionamento del sanitario, anche lui mai sostituito; l’ambulatorio UVA, importante per la valutazione delle patologie legate all’invecchiamento precoce e al morbo di Alzheimer, la forma più comune di demenza degenerativa che si manifesta tendenzialmente dopo i 65 anni e che in Abruzzo colpisce circa 5000 persone, ridotto a funzionare una sola volta al mese con evidente difficoltà a gestire la crescente richiesta di prestazioni; lo specialista in pneumologia che anziché 8 volte al mese, oggi visita solamente 3 volte; così come l’ambulatorio dermatologico che è aperto una volta ogni due settimane. Tutto ciò evidentemente finisce o nell’ allungare terribilmente le liste di attesa degli ambulatori specialistici che gravitano nel distretto di Avezzano o nell’allungare i tempi di attesa di chi sceglie di ricevere la prestazione negli ambulatori del PTA di Pescina. A ciò si aggiunga che la strumentazione dell’Ortopantomografo è stata messa fuori uso e aspetta di essere sostituita o , al meglio, riparata orami da tempo immemore; la vecchia strumentazione della Mammografia, oramai desueta e non più a norma, è stata fermata perché ritenuta ormai pericolosa sia per i pazienti che per gli operatori chiamati ad utilizzarla e mai sostituita da altra strumentazione del tipo digitale che avrebbe consentito la ripresa dell’attività diagnostica riducendo notevolmente le liste di attesa che da tempo ormai non assolvono più alla funzione di prevenzione delle malattie.

L’impressione che si avverte, e questo naturalmente lascia molto amaro in bocca  nel ricordo di quanto il Serafino Rinaldi, un tempo, rappresentasse per i cittadini della Marsica intera, è che il Presidio di Pescina cesserà a breve di svolgere le sue funzioni di medicina del territorio, spegnendosi naturalmente, per l’inerzia e lo scarso interesse che l’Azienda Sanitaria sta dimostrando nei suoi confronti e naturalmente nei confronti di chi in questa struttura ancora crede, primi fra tutti gli operatori sanitari che giornalmente vi prestano la propria attività lavorativa e professionale.

Non provvedere alla sostituzione di medici che raggiungono l’età della pensione o che godono giustamente di un trasferimento in altra struttura sanitaria, non potenziare l’organico infermieristico, tecnico e degli operatori socio-sanitari costringendo quelli effettivi a turni massacranti soprattutto nei periodi in cui è sacrosanto per ognuno godere di un periodo di ferie estive, ridurre drasticamente le ore delle prestazioni specialistiche in nome di esigenze di bilancio che seppur sacrosante e giuste, vanno ricercate altrove e non nelle prestazioni già minime riservate a territori che di per sé vivono condizioni di disagio e di lontananza dai centri di cura, non provvedere alla sostituzione delle strumentazioni diagnostiche ormai desuete o non potenziare quelle esistenti, che sono di sicuro ausilio all’attività preventiva di qualsiasi Presidio operante sul territorio, non mettere al centro di tutto il paziente, soprattutto quello che ha problemi nel raggiungere celermente e senza difficoltà i centri di cura, quello anziano e solo, tutto questo lascia presagire decisioni pilatesche che per nulla faranno bene alla sopravvivenza del nostro Presidio e che ancor meno faranno bene alla Sanità intesa nel senso più nobile del termine come l’insieme delle condizioni di salute di una collettività poste sotto la tutela dello Stato.

In attesa di pubblica risposta, una domanda incombe con priorità: può un Direttore Generale reggente operare nel pieno delle sue funzione o spetta garantire soltanto l’ordinaria amministrazione con poteri molto limitati così come prevedono le nome che non consentirebbero certamente la cancellazione di servizi sanitari che finora sono stati garantiti?  Cordialmente. Il Sindaco della Città di Pescina – Stefano Iulianella».