SUCCESSO PER LA FESTA DEI BOSCAIOLI AD OVINDOLI

OVINDOLI – Sabato 6 e domenica 7 luglio, ad Ovindoli, nel parco comunale della “Pinetina”  si è svolta la Prima Edizione della “Festa del boscaiolo”.

L’evento, organizzato dall’Associazione Commercianti in collaborazione con il Comune di Ovindoli e patrocinato dal Parco Sirente Velino, ha ospitato una tappa del campionato di Triathlon diretto dall’Associazione Boscaioli Alta Toscana (ABAT).

La Pinetina, luogo frequentatissimo durante i fine settimana dalla gente del posto e dai turisti, si è prestata alla perfezione.

Lungo il viale che costeggia la zona verde v’erano posizionati diversi punti vendita di prodotti strettamente attinenti al tema dell’evento oltre che al luogo, mentre all’interno del parco il programma si svolgeva in un clima rilassato e piacevole.

Il connubio tra natura, agonismo e svago è stato vincente e utile soprattutto ad avvicinare i molti spettatori di ogni età alle pratiche della montagna.

Chi infatti è solito frequentarla abitualmente, come i turisti che affollano Ovindoli in ogni stagione, tuttavia non è detto che abbia anche dimestichezza con tutte quelle attività che la caratterizzano da secoli. Molti sono rimasti stupiti nel constatare  che dietro ad un mestiere antico ed affascinante come quello del boscaiolo vi è finanche un retroterra agonistico formato da gente preparata, strumenti tecnici altamente prestazionali e associazioni ben formate.

Le gare infatti, regolate da specifici statuti come qualsivoglia competizioni che si rispetti,  hanno tenuto conto principalmente di tre parametri fondamentali per testare le abilità dei concorrenti: la precisione, la velocità e la forza di taglio.

Il bilancio è oltremodo positivo, a guadagnarne maggiormente è stato l’intero indotto considerato che molte persone sono arrivate appositamente con intere famiglie per parteciparvi ed altre si sono trattenute chi per mezza giornata chi per una giornata in più. Il merito degli uomini e delle donne dell’Associazione Commercianti di Ovindoli, capitanate dalla presidente Fabiola Bartolucci, è di aver avuto l’intuizione di pensare ad un evento ad hoc per un luogo tra i più potenziali ad Ovindoli. L’appuntamento, ricordano gli organizzatori, non ha avuto scopo di lucro e per questo si sono resi ancor più meritori.

Una impeccabile organizzazione, rigorosamente gestita dagli organizzatori, ha fatto da trama per l’ottima riuscita.