È MORTO ANGELO PAOLUZI, GIÀ DIRETTORE DI AVVENIRE E GIORNALISTA

Ha diretto anche altre importanti testate nazionali - cittadino onorario di Tagliacozzo

TAGLIACOZZO – Il giornalista ANGELO PAOLUZI, Cittadino onorario di Tagliacozzo, si è spento ieri 17 settembre. A darne la notizia, a tutti i Tagliacozzani, la figlia Stefania.

WhatsApp Image 2019-09-18 at 07.48.12 (1)

Costernato il sindaco di Tagliacozzo Vincenzo Giovagnorio : “Solo poche ore prima avevo ricevuto una sua lettera affettuosa lettera di complimenti per la stagione estiva appena terminata, per l’azione amministrativa condotta in questi tre anni e oltre a un ricordo di mio padre e di suo padre. Ebbi l’onore di conferirgli la Cittadinanza onoraria, lo scorso 27 aprile, in occasione del festa del Volto Santo e della Municipalità.”

Angelo Paoluzi è nato a Roma il 16 ottobre 1928; è stato un giornalista italiano. Dopo la collaborazione a Il Caffè di Giambattista Vicari, dove nel 1952 ha conosciuto Angelo Narducci con cui ha instaurato un fraterno e trentennale sodalizio di comuni interessi letterari, politici e professionali, negli anni 1955–1960 ha ricoperto il ruolo di direttore responsabile del mensile Prospettive Meridionali. Dal 1960 al 1968 ha lavorato per Il Popolo come corrispondente dalla Germania e dalla Francia. È entrato in Avvenire sin dal primo numero (4 dicembre 1968) e vi è restato fino al 6 gennaio 1981, assumendone prima la vicedirezione (con Narducci direttore) e poi la direzione a partire dal 1º maggio 1980 quando Narducci è stato eletto al Parlamento europeo. Già direttore dell’Osservatore della Domenica e vicepresidente dell’UCSI, è stato docente e coordinatore della Scuola di giornalismo alla Lumsa di Roma; ha curato una rubrica culturale per Radio Vaticana e ha collaborato con numerose testate (Europa, Segno nel mondo, Il Segno, L’eco di San Gabriele).