INAUGURAZIONE PLESSO SCOLASTICO A MAGLIANO DEI MARSI – LE INTERVISTE (VIDEO)

Messaggio politico elettorale

Hanno preso parte alla cerimonia autorità civili e militari. Presenti i sindaci, in rappresentanza delle proprie realtà, a sottolineare l’importanza dell’evento

MAGLIANO DEI MARSI – Chi ha partecipato si è reso conto, da subito, che non era la semplice inaugurazione di un nuovo plesso scolastico, sede dell’Istituto Comprensivo, a Magliano dei Marsi.  E’ apparsa una costruzione importante, luminosa, moderna che non oltraggia il suo contesto.

Di certo, una nuova scuola resta un importante momento atteso dai genitori e dai bambini della città, la sicurezza di poter pianificare il percorso di studi per il futuro dei piccoli scolari.

Hanno preso parte alla cerimonia autorità civili e militari.  Presenti i sindaci, in rappresentanza delle proprie realtà, a sottolineare l’importanza dell’evento, e i consiglieri regionali Simone Angelosante, Roberto Giovagnorio, il vice Prefetto e il vice Questore di L’Aquila.

La sindaca Mariangela Amiconi, con l’on. Gianni Letta, il presidente della Regione Abruzzo Marco Marsilio e il vescovo dei Marsi Pietro Santoro, hanno scoperto la targa che intitola la struttura al prof. Giuseppe Di Girolamo.

La benedizione è stata impartita dal Vescovo dei Marsi Pietro Santoro che ha rivolto alla platea un importante augurio “Che questo gioiello scolastico sia aldilà della validità dei muri, sia luogo e spazio dove i giovani siano aiutati a essere sé stessi, a offrire la parte più bella e più profonda della propria dignità ed essere in grado, poi, di diventare cittadini di cui l’Italia oggi ha bisogno. Cittadini orientati ai sommi grandi, e capaci di immettere nella società i propri sogni, i propri ideali, che non siano solo appiattimento sull’immediato.”.

La sindaca di Magliano dei Marsi, Mariangela Amiconi, porgendo il saluto alla cittadinanza e alle autorità presenti, commossa ha ringraziato tutti i coloro che hanno attivamente contribuito alla realizzazione dell’opera, “E’ un giorno speciale per la nostra comunità. Abbiamo lavorato duramente per raggiungere questo traguardo, è un motivo di vanto e di orgoglio. Sono piena di gioia e commossa perché quando si costruisce una scuola si costruisce il futuro. Si investe sul futuro, sulla crescita educativa, professionale e morale della comunità. L’obiettivo di consegnare, nel rispetto delle più recenti norme antisismiche, la struttura  che vuole essere luogo ideale di incontro, di studio e di  formazione per tutti i bambini che potranno godere di ambienti sicuri, belli e funzionali alle attività didattiche, è stato raggiunto.”.

Un particolare saluto, Mariangela Amiconi lo ha rivolto al precedente sindaco di Magliano dei Marsi Gianfranco Iacoboni, sottolineando che la realizzazione dell’opera è stata possibile grazie al finanziamento della Regione Abruzzo, con il piano “Scuole d’Abruzzo il futuro in sicurezza”. Ha poi espresso riconoscenza  all’ ex presidente della regione Abruzzo Gianni Chiodi, e al suo stretto collaboratore dell’epoca, concittadino Antonio Morgante, per  aver individuato il progetto della scuola tra i 154 degli edifici scolastici abruzzesi, divenuto soggetto di assegnazione di fondi per la ricostruzione e messa in sicurezza del patrimonio scolastico danneggiato dagli eventi sismici del 2009. Il finanziamento corrisposto è stato di 4.620.000,00 euro, destinati alla scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado.

L’onorevole Gianni Letta ha rivolto il suo saluto ai presenti. “Questo che sembrava un sogno oggi si è avverato.  Ogni volta che si inaugura una scuola è una gioia, perché si guarda al futuro, si guarda al domani. Quando sono arrivato, ho guardato con sorpresa e ammirazione un’architettura così moderna, cosi essenziale, così elegante, così bella.”  Ha poi ricordato,”Non per polemica”,  come immediatamente dopo il tragico evento del terremoto che ha devastato L’Aquila,  la prima preoccupazione fu quella di ricostruire le scuole o di dare ospitalità all’apertura dell’anno scolastico ai piccoli e grandi studenti. “Perché se non avessero trovato la possibilità di andare a scuola sarebbero andati via, o sarebbero rimasti lontano dall’Aquila quelli che si erano già allontanati. Sarebbe stata la fine per la città di L’Aquila. L’inizio di un lento, inesorabile, inevitabile, declino

Da oggi genitori e nonni che accompagnano ogni giorno i loro bimbi a scuola, sanno che li lasceranno in un posto sicuro, quasi in un luogo fisico dove la comunità si ritrova. – commenta il Presidente della Regione Abruzzo Marco MarsilioLa scuola è davvero il luogo del cuore. Una nota da correggere, tema generale, è vedere passare tre amministrazioni regionali, più amministrazioni comunali per concludere oggi con questo incredibile complesso.(…) Ci vogliono 65 mesi per passare e completare tutte le fasi di progettazione e quindi indire una gara d’appalto. Questo è il tema vero su cui continuiamo ad impegnarci. Pochi giorni fa, ho avuto modo di spiegare al nuovo Ministro che cosa accade e perché di fa tanta fatica a ricostruire. Equilibrio dei poteri e dei valori che vanno vengono messi in campo. E’ vero che bisogna avere molta attenzione quando si spendono soldi pubblici, vanno spesi con trasparenza e correttezza, senza impliciti arricchimenti, in maniera giusta e corretta, fino all’ultimo centesimo, per il bene comune. Nello stesso tempo quel tema non può diventare un’ossessione che impedisce di arrivare alla fine del procedimento. Abbiamo sollecitato al Ministero i finanziamenti, e se verranno rispettati gli impegni, entro i prossimi 5 anni potremo consegnare a tutto l’Abruzzo scuole sicure, dove poter crescere ed essere istruiti.”

Antonio Morgante ha preso la parola: “Quando si fa politica e si ha la responsabilità di amministrare la “cosa pubblica”, vedere che le proprie idee, le proprie tensioni, i propri giorni, arrivano a  tutto questo, è una grande soddisfazione non solo personale ma di una intera comunità.”

Un’opera del genere è il risultato della perseveranza delle determinazioni di molte persone”. Afferma La dirigente scolastica Fausta VivarelliObiettivi così ambiziosi si realizzano solo aggregando la volontà civile e le istituzioni intorno ad un sentimento forte, comune e fortemente laicato.”

Il plesso scolastico è un edificio di classe energetica A+. Accoglie 336 studenti,  ha 16 aule ordinarie per la didattica frontale e 16 aule speciali di uso per laboratori informatici, musicali di pittura e di disegno. E’ dotata di una ampia sala mensa con dispensa, una videoteca accessibile anche indipendentemente dalla attività scolastica.  La struttura portante della didattica è realizzata interamente in acciaio. Sono dislocati tre ascensori per l’abbattimento delle barriere architettoniche. E’ provvista di un impianto fotovoltaico, e uno per il recupero delle acque piovane per il risparmio delle risorse idriche, che vengono igienizzate e rimesse nelle cassette di scarico dei servizi sanitari.

Da ammirare la palestra si circa 580mq. con spogliatoi e servizi, idonea anche per le attività agonistiche regionali e interregionali. Un auditorium con superficie di 380mq., con servizi, camerini per artisti, e biglietteria. Entrambe queste strutture hanno ingressi indipendenti e funzionalità autonome. Dunque fruibili anche al difuori delle attività scolastiche, a beneficio della intera comunità.

Impresa affidataria dei lavori:  CME CONSORZIO IMPRENDITORI EDILI Soc. Coop.

Tanti applausi per l’esibizioni dei piccoli allievi dell’istituto comprensivo Giuseppe Di Girolamo.

Ha congedato il pubblico il  complesso bandistico Città di Magliano.

 

Messaggio politico elettorale