NESSUNA MISURA CAUTELARE NEI CONFRONTI DEL MAGREBINO CHE HA TRAVOLTO E UCCISO SARA

CELANO – Non è stata emessa nessuna misura cautelare nei confronti del magrebino, Y. A. di anni 25, residente ad Avezzano, che nel pomeriggio di oggi ha travolto e ucciso Sara Sforza nei pressi del Centro Commerciale “Le Ginestre” a Celano.

L’autorità giudiziaria competente non ha ritenuto sussistere i presupposti per l’arresto dell’extracomunitario, nonostante la gravità dei fatti accaduti e l’esistenza di precedenti specifici, in quanto, circa dieci giorni fa, lo stesso conducente, alla guida dello stesso veicolo, si dava alla fuga nel centro cittadino di Avezzano nonostante l’alt intimato da una volante della Polizia di Stato. Rintracciato poco dopo, veniva sottoposto al test alcolemico risultando positivo. Anche i risultati dei test eseguiti questa sera sembrerebbero dare esito positivo all’utilizzo di alcool, cocaina ed oppiacei, superando per più del doppio il limite consentito dalla legge.

È stata rintracciata la compagna italiana del guidatore, che si trovava all’interno dell’auto al momento dell’ incidente, mentre sembrerebbe irrintracciabile l’altro cittadino extracomunitario datosi alla fuga.

“Spero vivamente che il responsabile venga arrestato” – dichiara Lucio Cotturone legale di Alessio Vergari, fidanzato della povera Sara, raggiunto telefonicamente dalla nostra redazione – “Qualora ciò non accada, sarebbe un’interpretazione della normativa rispetto alla flagranza di reato veramente aberrante, soprattutto perchè il legislatore è tornato su questa ipotesi di reato in maniera molto meticolosa, stigmatizzando proprio la condotta penalmente rilevante. Come legale mi aspetto una severa punizione nei confronti di questa persona”.

 

INCIDENTE MORTALE SULLA TIBURTINA VALERIA A CELANO, PERDE LA VITA UNA RAGAZZA DI VENT’ANNI

Annunci

Comments are closed.