CELANO. ARRESTATO IL SECONDO PASSEGGERO DELL’INCIDENTE SFORZA, LATITANTE E PRONTO ALLA FUGA ALL’ESTERO

CELANO –  Operazione brillantissima quella della polizia di stato di Avezzano, dopo solo pochi giorni dall’incidente avvenuto sulla tiburtina dove ha perso la vita Sara Sforza, è stato rintracciato a Celano ed arrestato il secondo occupante dell’auto, il magrebino che era scappato dal posto della sciagura.

Si tratta di El Mamouni Yousef , 30 anni residente a Milano, già interessato da un altro procedimento penale con una pena detentiva da scontare. Dalle prime indiscrezioni l’uomo era pronto per lasciare l’Italia, ma grazie alle indagini della polizia di Avezzano il piano di fuga è sfumato.

Seguiranno i dettagli dell’operazione.

COMUNICATO STAMPA DELLA QUESTURA DI L’AQUILA

POLIZIA DI STATO: RINTRACCATO CITTADINO MAROCCHINO LATITANTE

Nel corso del pomeriggio odierno personale della Polizia di Stato  appartenente  al Commissariato di P.S. di Avezzano ha  proceduto all’arresto di Y. E. M. di anni 31, cittadino marocchino colpito da ordine di carcerazione, poiché condannato per reati inerenti gli stupefacenti, resosi latitante da diversi mesi.

In particolare verso le ore 16.30, gli operanti, a seguito di attività info-investigativa,  rintracciavano Y.E.M. nel centro abitato di Celano, nei pressi di un bar abitualmente frequentato da cittadini marocchini.

Y.E.M., condannato dal Tribunale di Lecco ad anni uno di reclusione, si era reso irreperibile alle Forze dell’Ordine del Nord Italia, trasferendosi nella Marsica, occupando occasionali dimore.

L’arrestato, dopo le formalità di rito è stato condotto presso la Casa Circondariale di Avezzano.