INAUGURATO A CARSOLI L’ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO STATALE. DA MARTEDÌ I GIOVANI TORNANO A DARE VITA ALLA CITTADINA MARSICANA

CARSOLI – Il Sindaco Velia Nazzarro e l’amministrazione comunale hanno, con una cerimonia ufficiale e il tradizionale taglio del nastro,  inaugurato  l’istituto omnicomprensivo statale.

Il sindaco ha pronunciato il  discorso ufficiale, subito dopo la cerimonia di benedizione officiata da don Roberto Cristofaro. Presenti molti sindaci e rappresentanti delle Amministrazioni marsicane.

Significativa la presenza, e il contributo offerto alla platea, del Presidente della Provincia di L’Aquila Angelo Caruso e dell’assessore regionale Guido Liris con deleghe importanti, nel contesto dell’incontro, quali bilancio, aree interne e del cratere.

La presidente dell’ACIAM Anna Maria Taccone, nel suo intervento ha sottolineato l’importanza della linea preannunciata di una campagna di sensibilizzazione per il rispetto ambientale, donando pertanto  al nuovo istituto scolastico, le  borracce ecologiche in tritan.

Con l’inaugurazione viene a concludersi il percorso sulla sicurezza scolastica che vanta strutture  all’avanguardia antisismiche, dall’asilo nido alla scuola dell’infanzia, dalla scuola primaria fino a giungere alla scuola secondaria di primo e secondo grado.

Un groviglio difficile burocratico, come ha sottolineato Velia Nazzarro, sconfitto dalla forza della collaborazione, portando al successo, in soli 18 mesi, la ricostruzione.

Con il supporto entusiastico ed attivo della Dirigente scolastica Florenza Marano  si è determinato il nome da attribuire al nuovo plesso scolastico:  Alberto Manzi.

Per tanti un  personaggio televisivo, per moltissimi è il maestro che ha insegnato loro, negli anni ‘60 a leggere e a scrivere. Molti riuscirono persino ad ottenere la licenza elementare. Alberto Manzi docente, pedagogista, ha le sue origini in una località di Tufo, frazione di Carsoli.

Una scuola sicura, posta al centro di Carsoli, aprirà le aule per accogliere i giovani studenti martedì 28 gennaio. La città tornerà a vivere.

Ha coordinato l’incontro il giornalista Daniele Imperiale.