TRASACCO, PERICLE DI COLA AL QUIZ TELEVISIVO “AVANTI UN ALTRO!”

Con sorpresa le persone che stavano guardando il quiz “Avanti un Altro!”, qualche sera fa, hanno scoperto che uno dei concorrenti era un loro concittadino

TRASACCO – Una vera sorpresa quella della puntata del gioco di Paolo Bonolis “Avanti un Altro!”, in onda nella fascia del preserale di Canale5, dello scorso 12 febbraio.

I trasaccani che stavano guardando il gioco a quiz, infatti, si sono trovati in televisione il loro concittadino Pericle Di Cola, 57 anni, che stava partecipando al gioco.

Infatti, senza che lui ne sapesse nulla, è stato iscritto al quiz televisivo dalla figlia. “Ricevuta la telefonata dal programma, per sostenere un provino – racconta Pericle – ho pensato ad uno scherzo, ma mentre parlavano per spiegarmi di cosa si trattasse ho capito che era tutto vero e che qualcuno, a casa, mi aveva fatto uno scherzetto”.

E così, si è ritrovato nel preserale di Canale5! Superato il primo step di domande, con argomento canzoni che avevano a che fare con il termine  “Gonna”, Pericle è andato direttamente in finale. Tra risate e battute con il conduttore Bonolis, l’uomo ha tentato la fortuna nel quizzone finale giocando per 140 mila euro. Erano 21 le domande a cui rispondere in modo sbagliato (eh sì, perché le risposte giuste da dare erano il contrario di quelle corrette) in 150 secondi, ma alla nona domanda il primo errore. Arrivato poco oltre la metà dei quesiti non è, purtroppo, riuscito a completare tutto il percorso che lo avrebbe portato a vincere il montepremi.

“Il quiz era difficoltoso – spiega il signor Pericle –  perché la mente ti porta sempre a dare la risposta corretta, ci vorrebbe un po’ di allenamento. Riflettendoci è stata una bella opportunità, però il gioco è difficile e quindi va bene così. Mi sono divertito e c’era un bel clima anche con gli altri concorrenti, ci sostenevamo a vicenda, consapevoli della difficoltà”.

Di Cola ha voluto cogliere l’occasione anche per far conoscere un po’ del suo paese, Trasacco, agli italiani, e parlare loro di alcune tradizioni come il ritiro di Sant’Angelo per soli uomini, che tutti gli anni viene organizzato presso il convento della chiesa della Madonna di Candelecchia.

 

Annunci