ROAD ECOLOGY NEL PARCO NATURALE REGIONALE SIRENTE VELINO

OVINDOLI –  Il 16 aprile scorso nel corso dell’informativa sull’attivazione della polizza per incidenti stradali, il Parco ha ora il risultato di uno studio di ROAD ECOLOGY per l’inizio della messa in opera di interventi attivi per la riduzione del rischio di incidenti stradali con la fauna selvatica.

“Bisogna basarsi su dati certi e su metodologie scientificamente riconosciute” sottolinea il Commissario del Parco Igino Chiuchiarelliper poter ottenere i risultati sperati. Non si può andare dietro a intuizioni ed ai sentito dire, ma quello che conta sono i dati e i processi matematici di elaborazione. L’idea presentata nel corso della Comunità del Parco del 17 dicembre 2019 insieme al Presidente Francesco D’Amore è stata approvata all’unanimità dai Sindaci che anzi hanno chiesto maggiori risorse proprio in questo settore.

Il Vicepresidente Emanuele Imprudente con delega ai Parchi e Riserve esprime soddisfazione per quanto il Parco naturale regionale Sirente Velino sta mettendo in campo anche in questo difficile momento. “È questa la direzione giusta, interventi sul territorio che portano risultati concreti e con una platea ampia di condivisione. Queste sono le linee programmatiche che sto perseguendo nel mio mandato e vedere la loro realizzazione è motivo di soddisfazione.”

ROAD ECOLOGY NEL PARCO NATURALE REGIONALE SIRENTE VELINO

Gli incidenti tra veicoli e fauna selvatica rappresentano sia un problema  di sicurezza stradale che di conservazione della biodiversità. Questo fenomeno in Italia sta raggiungendo una dimensione notevole e sia le zone interne che le aree protette ne sono particolarmente interessate.

Il Parco Naturale Regionale Sirente Velino è molto sensibile al tema, infatti è stata una delle prime aree protette abruzzesi a realizzare interventi volti a ridurre gli incidenti con fauna selvatica, oltre dieci anni fa.

Nel 2019 il Parco ha realizzato un nuovo studio con l’obiettivo di individuare i tratti a maggior rischio di incidente con fauna nel territorio dell’area protetta e alla proposta di misure di mitigazione volte a limitare tale rischio. Lo studio, dal titolo Road Ecology nel Parco Naturale Regionale Sirente Velino. Analisi della mortalità faunistica stradale e proposta di misure di mitigazione, è stato redatto da Mauro Fabrizio, esperto di ecologia stradale, con il Commissario Igino Chiuchiarelli, responsabile del progetto. Hanno collaborato anche Leucio Angelosante, Paola Morini e Ludovico Frate.

Prima di tutto sono stati analizzati i siti di investimento della fauna selvatica con lo scopo di mettere in luce i fattori ambientali e le peculiarità dei tracciati che ricorrono in modo statisticamente significativo. Per mezzo di questa analisi è stato possibile elaborare una carta del rischio individuando i tratti stradali più pericolosi e sui quali è prioritario intervenire.

In una seconda fase sono stati proposti interventi di mitigazione degli impatti negativi delle strade sulla fauna selvatica. Nella progettazione di tali interventi è possibile perseguire due obiettivi: il primo consiste nel dare la precedenza alla mobilità antropica impedendo l’accesso del tracciato viario alla fauna selvatica, il secondo nel dare priorità agli spostamenti faunistici, non impedendo agli animali di varcare “l’ostacolo strada” ma prevedendo la messa in sicurezza della stessa attraverso specifici dispositivi e progetti.

Nel Progetto del Parco tali obiettivi sono stati integrati e sono state selezionate misure rivolte sia agli automobilisti che alla fauna selvatica, in particolare verranno realizzate le seguenti misure di mitigazione:

  • Installazione di dissuasori ottici riflettenti e acustici
  • Installazione di segnaletica stradale
  • Installazione di reti ad invito in prossimità dei sottopassi
  • Riqualificazione ambientale in corrispondenza dei viadotti
  • Manutenzione del bordo stradale

Complessivamente verranno installati:

  • 138 km di dissuasori luminosi
  • 6 km di dissuasori acustici
  • 500 m di recinzioni
  • 44 cartelli stradali di pericolo passaggio fauna selvatica
  • 4 pannelli luminosi che si attivano quando le auto superano il limite di velocità

Parallelamente alla posa in opera del suddetto materiale, saranno effettuati lavori di manutenzione mirati a ridurre il rischio di incidenti. Verranno infatti ripuliti sedici sottopassi ritenuti adatti al passaggio faunistico, in modo da favorirne la fruizione degli animali per l’attraversamento delle infrastrutture e verrà effettuata la ripulitura dei bordi stradali 2 volte l’anno, per agevolare la visuale sia degli automobilisti in transito che degli animali in attraversamento.

Il costo complessivo degli interventi di mitigazione è pari a € 110.000 per questa prima fase.

Annunci