OSPEDALE AVEZZANO, FEDELE: “ASSEMBRAMENTI AL PRONTO SOCCORSO. SITUAZIONE GRAVISSIMA, I CITTADINI PAGANO LE CONSEGUENZA DEL DISINTERESSE DELLA ASL1 E DELLA GIUNTA REGIONALE”

AVEZZANO – La gravità di ciò che sta accadendo in queste ore all’ospedale di Avezzano, che ho verificato di persona nei giorni scorsi, è perfettamente rappresentata dall’assembramento di persone all’interno del Pronto Soccorso. Numerosi pazienti sono infatti bloccati nella zona grigia e all’interno del Pronto Soccorso e non posso essere ricoverati perché manca l’esito dell’esame del tampone. Una vicenda totalmente inammissibile, causata dalla completa mancanza di organizzazione all’interno della Asl1 che ha nei fatti abbandonato l’Ospedale di Avezzano a se stesso. Come avevo già più volte denunciato, i tempi lunghi per ottenere il risultato dei tamponi, in media 72 ore, e l’impossibilità di attivare ulteriori zone grigie, per mancanza di personale sanitario, hanno portato esattamente a ciò che sta accadendo in questi giorni all’interno del Pronto Soccorso. Situazione questa a danno non solo dei pazienti marsicani, ma anche di tutti i nostri operatori sanitari, costretti ad operare in condizioni di grande criticità.

“Si tratta di una cosa gravissima, e lo è ancor di più il fatto che la Asl1 avrebbe potuto e dovuto prevedere i disagi, agendo di conseguenza, invece di perdere tempo a raccontare sulla stampa una realtà che non esiste. Stesso ragionamento vale per la Giunta regionale Lega-FDI-FI, molto impegnata a mostrarsi su giornali e social network, ma assente quando va affrontata l’effettiva verità della sanità marsicana”. Ad affermarlo è il Consigliere regionale M5S Giorgio Fedele.