BPER BANCA PREMIA 56 STUDENTI ABRUZZESI GRAZIE A BORSA DI STUDIO “FONDAZIONE CENTOCINQUANTESIMO” 2020

AVEZZANO – Investire sul futuro volgendo un particolare riguardo verso il mondo della scuola e della cultura giovanile: lo fa da ben cinquantatré anni la BPER Banca che, ogni anno, premia gli studenti più meritevoli delle scuole superiori di tutte le province italiane in cui l’Istituto è rappresentato.

Grazie alla Borsa di Studio “Fondazione Centocinquantesimo” di BPER Banca, per l’edizione 2020, sono state assegnate complessivamente duecento quarantuno borse ad altrettanti studenti (settantasei da 700 euro e centosessantacinque da 500 euro). Per quanto riguarda la sezione delle regioni Abruzzo e Molise sono risultati vincitori cinquantasei ragazzi, che sono stati premiati per l’anno scolastico 2017-2018.

Diciannove di loro hanno beneficiato di un sussidio per un importo di 700 euro: dodici sono stati destinati a studenti in provincia di L’Aquila, 5 a Chieti, 1 a Pescara e 1 a Isernia. Altri trentasette, invece, potranno usufruire di borse di studio di 500 euro così ripartite: 20 a L’Aquila, 13 a Chieti, 3 a Pescara e 1 a Campobasso.

Quest’anno a causa dell’emergenza sanitaria, dovuta alla pandemia da Covid-19, purtroppo, non è stato possibile organizzare, da parte di BPER Banca, la tradizionale cerimonia di consegna degli attestati che, di norma, si svolge presso l’Auditorium G. Paone di Lanciano e presso l’Auditorium Sericchi  dell’Aquila alla presenza, oltre che degli studenti, anche di autorità, parenti e giornalisti.

“Stiamo vivendo un momento particolare che ci sta costringendo a modificare le nostre abitudini – ha dichiarato Giuseppe Marco Litta, Responsabile Direzione Regionale Abruzzo e Molise, “Uno degli appuntamenti tradizionali di questo periodo per la nostra Banca è la consegna delle borse di studio, che quest’anno non può avvenire con le modalità consuete. Voglio però esprimere le mie congratulazioni ai ragazzi, augurandomi di incontrarli presto una volta terminato il periodo di restrizioni. Sono certo – conclude –  che dalle nuove generazioni arrivi un segnale forte di volontà di reazione a questa non facile situazione, e questo mi convince ad essere fiducioso per il futuro”.

I giovani, nei giorni scorsi, sono stati tutti contattati dall’Istituto bancario per essere informati in quanto vincitori della borsa di studio.