DA CODOGNO A PALERMO, IL GIRO D’ITALIA DELLE FRECCE TRICOLORI PASSA SU ABRUZZO E MARSICA

L'abbraccio tricolore della Pattuglia Acrobatica Nazionale agli italiani si concluderà con il sorvolo di Roma, il 2 giugno, giorno della Festa della Repubblica

L’AQUILA – Un tour di 5 giorni21 città sorvolate per un #AbbraccioTricolore che segnerà la storia. Simbolicamente si chiuderà con il sorvolo di Roma il 2 giugno per la Festa della Repubblica. Non ci sarà quest’anno nella Capitale, a causa dell’emergenza coronavirus, la tradizionale parata ai Fori Imperiali ma sarà deposta una corona di alloro all’Altare della Patria da parte del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

La Pattuglia Acrobatica Nazionale effettuerà, a partire dal 25 maggio, una serie di sorvoli, toccando tutte le regioni italiane e abbracciando simbolicamente con i fumi tricolori tutta la Nazione, in segno di unità, solidarietà e di ripresa. Si parte da Trento, Codogno, prima zona rossa dell’emergenza sanitaria che ha colpito il Paese, Milano, Torino e Aosta. Il 26 maggio tocca a Genova, Firenze, Perugia e L’Aquila, mercoledì 27 Cagliari e Palermo, mentre giovedì 28 Catanzaro, Bari, Potenza, Napoli e Campobasso. Venerdì 29 Frecce su Loreto, dove ha sede l’omonimo santuario della Madonna protettrice dell’Arma Azzurra, Ancona, Bologna, Venezia e Trieste.

La città dell’Aquila sarà interessata dal passaggio delle Frecce Tricolori nel pomeriggio di martedi 26: il prefetto Cinzia Torraco invita la popolazione a vivere l’importante iniziativa con la partecipazione che merita, per il carattere simbolico e di coesione che rappresenta, ma nel contempo esorta la cittadinanza a rispettare con attenzione le normi vigenti in tema di divieto d’assembramenti e di rispetto della distanza interpersonale.

Annunci