IL GRUPPO DI MAGGIORANZA DI OVINDOLI RISPONDE A “OVINDOLI OLTRE”

OVINDOLI – La risposta del gruppo di maggioranza dell’Amministrazione comunale “LiberamenteInsieme” di Ovindoli  al comunicato di OvindoliOltre.

Abbiamo appreso con grande stupore il comunicato che il gruppo di minoranza OvindoliOltre ha inoltrato alle varie testate dei giornali online e siamo rimasti profondamente stupiti dallo stato confusionale e dai pensieri completamente disordinati che i tre consiglieri hanno manifestato.

Per questo motivo ora proveremo a riassumere, nel tentativo di far chiarezza.

Anzitutto l’attuale maggioranza, nell’ultimo periodo, ha avuto un contatto costante e continuo con i rappresentanti dell’Associazione Commercianti fatto di riunioni periodiche durante le quali si sono definite le linee guida da intraprendere. Abbiamo discusso insieme sulle azioni da seguire! Nelle stesse riunioni si è parlato anche dell’idea di erogare un piccolo contributo economico; abbiamo però poi valutato e stabilito, di comune accordo, che sarebbe stato meglio se quei soldi fossero stati impiegati in maniera diversa, magari più ragionevole, cosa che è stata fatta dirottandoli tutti per la stagione estiva che è ormai alle porte.

Nel mese di maggio abbiamo tenuto ben due consigli comunali, durante i quali né il consigliere Marco Iacutone né il consigliere Pino Angelosante né il consigliere Angelo Ciminelli hanno mai avanzato una proposta di aiuto economico ai commercianti e che ora, soltanto con letterine social, sbandierano ai quattro venti.

A proposito di ciò vogliamo ricordare che la politica si fa nelle opportune sedi. Per questo motivo avremmo apprezzato molto più un suggerimento concreta in aula, e non comunicati stampa atti soltanto a generare confusione in un periodo nel quale serve concretezza di azioni. Agitare gli animi da dietro le scrivanie non aiuta di certo il nostro paese a ripartire.

In merito alla contestazione al mancato accoglimento delle istanze di occupazione di suolo pubblico, specifichiamo che sono arrivate quattro richieste (pervenute da circa la metà di maggio) le quali sono state tutte accolte e sono attualmente in lavorazione presso gli uffici competenti. I consiglieri di opposizione dovrebbero conoscere il funzionamento della macchina amministrativa e sapere che le istruttorie sono competenze gestionali.

Si è proceduto, proprio in questi ultimi giorni, alla pubblicazione del bando per l’affidamento di una struttura comunale a San Potito. Ciò significa che chiunque desideri aprire una nuova attività commerciale può partecipare alla gara.  Presto l’ufficio competente procederà a pubblicarne un secondo, relativo ad un’altra struttura in zona “pinetina”.

Stiamo per realizzare nella palestra comunale un’area per lo smartworking, altra iniziativa importante che incentiva il settore turistico.

Ci spiace dover correre ai ripari anche a problemi di memoria corta del gruppo di opposizione. Si sono clamorosamente dimenticati che la protezione Civile Comunale di Ovindoli è stata tra le prime ad attivarsi nella ricerca e nella distribuzione gratuita delle mascherine e a provvedere alla sanificazione totale delle vie del paese.

A questo potremo aggiungere molto altro, ma preferiamo fermarci qui e far parlare i fatti.

Tutto quel che si è potuto fare si è fatto e tutto quel che si potrà fare si farà. Ci rammarica di dover constatare che le attuali dichiarazioni del gruppo Ovindoli Oltre confermano una totale contraddizione tra le affermazioni collaborative espresse in consiglio comunale (che nell’ultimo caso hanno rimarcato anche con voti favorevoli) e i comunicati stampa per mezzo dei quali si esprimono affermando l’esatto contrario.  

In ultimo ci teniamo a constatare di aver ricevuto soltanto complimenti per l’operato fin qui svolto da parte dei nostri compaesani.

Di seguito il comunicato redatto dalla minoranza

Mentre tantissimi comuni marsicani hanno posto in essere azioni concrete per aiutare le imprese presenti nei loro territori dobbiamo constatare l’empasse del comune di Ovindoli. Quotidianamente leggiamo di comuni che si prodigano a ristorare in qualche modo le gravissime perdite economiche che le attività hanno avuto in questi mesi
(Celano, Capistrello e Aielli solo per citarne qualcuno) e altrettanto quotidianamente assistiamo all’inefficienza del comune di Ovindoli che adispetto dei proclami fatti sui social media ancora non riesce a partorire un rovvedimento in questo senso. Abbiamo sollevato la problematica nei due consigli comunali che si sono tenuti da quando siamo in emergenza ma tranne “burocratiche” risposte atte solo a prendere tempo altro non abbiamo ottenuto. Addirittura il sindaco agli imprenditori che gli chiedono conto sul fatto che alcuni comuni stanno elargendo contributi a fondo perduto alle attività produttive risponde che non se la sente di esporre i precettori di questi
aiuti alle ipotetiche sanzioni che l’Unione Europea potrebbe erogare! E lo dice in qualità di esperto presidente di apposita commissione regionale. Siamo convinti che le cose non stanno come il Sindaco/presidente Angelosante vorrebbe lasciare intendere e che è del tutto legittimo sostenere le aziende in questo particolare momento anche perché è il governo nazionale in primis lo sta facendo. Restiamo sconcertati invece nel leggere il gradimento di Angelosante sull’operato di consiglieri comunali del suo partito che hanno proposto questo genere di misure in altri comuni (Celano). La domanda nasce spontanea (avrebbe detto Antonio Lubrano):”se gli aiuti vengono proposti da consiglieri comunali della Lega non si incorre in procedura di infrazione altrimenti il rischio è concreto?”. In questi giorni, forse prendendo coscienza della propria evanescenza rispetto alle problematiche evidenziate, l’amministrazione comunale sta provando a mettere in campo soluzioni che la quasi totalità degli
operatori (in previsione della riapertura -4/18 maggio-) hanno già messo in atto! Parliamo di sanificazione dei locali, dispositivi per l’igienizzazione delle mani (sic). Ma impegnati come sono alla ricerca della credibilità
perduta, stanno trascurando anche l’ordinaria amministrazione, infatti ci segnalano gli operatori che le richieste di occupazione di suolo pubblico (rese gratuite da provvedimento governativo) giacciono inevase negli uffici preposti!
Andrà tutto bene (speriamo) .  I consiglieri Angelo Ciminelli – Pino Angelosante – Marco Iacutone

COMUNICATO STAMPA