TESTO UNICO COMMERCIO: BORGHI E AREE INTERNE MESSE IN GINOCCHIO DA NUOVI CENTRI COMMERCIALI, LE SCELTE DEL CENTRO DESTRA CHE FANNO MALE ALL’ABRUZZO

ABRUZZO – “C’è il rischio che la Giunta regionale con la modifica del comma 1 dell’articolo 146 del Testo Unico del Commercio attualmente in vigore, dia il via libera a nuovi centri commerciali. La modifica, infatti, permetterebbe di aggirare la moratoria imposta fino al 31/12/2021 consentendo la nascita di nuovi centri commerciali anche dove ora non è possibile. Una decisione che stona completamente con le necessità del territorio, maggiormente quello delle aree interne, che vive sul commercio di prossimità e sui piccoli negozi dei centri storici” lo afferma il Consigliere regionale M5S Giorgio Fedele che spiega: “Lega, Fratelli D’Italia e Forza Italia, dimostrano ancora una volta di essere ben lontani dalle esigenze dei cittadini e del tessuto economico. Eppure gli esempi sono tanti: da L’Aquila ad Avezzano i piccoli commercianti sono ciò che caratterizzano e rendono vivi centri storici e quartieri che, diversamente, rischierebbero di essere solo dei dormitori privi di servizi”.

“Ma anche i borghi della nostra regione, che rappresentano il cuore pulsante dell’Abruzzo e che vivono sulle economie locali e sull’artigianato, rischiano di essere pesantemente colpiti proprio da questa scelta che il centrodestra sta portando avanti. Eppure è ormai noto lo studio effettuato a livello nazionale dalla CGIA di Mestre che ha messo in luce una volta per tutte come le grandi superfici di vendita non sono un investimento sull’economia locale bensì una condanna. Lo studio infatti stima che per ogni posto di lavoro creato all’interno di un centro commerciale se ne perdano circa 6 nel settore del micro-commercio e dell’artigianato. E’ da sottolineare, inoltre, che proprio in questo momento, a causa delle restrizioni per il Covid, i cittadini di tutta la regione hanno ricominciato ad abituarsi al commercio di prossimità, tornando a dare ossigeno a tutti quei negozi che, non solo formano il nostro tessuto economico reale e concreto, ma che, per molte realtà, costituisco anche un pezzo di storia cittadina. Per questo ho ritenuto necessario ricorre a tutti gli strumenti, che come Consigliere regionale ho a disposizione, per far comprendere al centrodestra il pericolo a cui stanno esponendo tutto il settore del commercio abruzzese” conclude.

COMUNICATO STAMPA