EMERGENZA COVID IN VALLE PELIGNA. NARDELLA (UIL) DOTARE IMMEDIATAMENTE L’OSPEDALE CIVILE DI SULMONA DI MACCHINARIO PER PROCESSARE I TAMPONI

Messaggio politico elettorale

PESCARA – L’avevo risaltato qualche giorno fa nel punto fatto sulla questione covid nelle carceri e, ora più che mai, vista l’escalation dei casi di positività in terra peligna, credo sia il caso di non solo ribadirlo ma  pensare seriamente di far dotare immediatamente il nosocomio sulmonese di un macchinario per processare i tamponi.

A dirlo è Mauro Nardella componente della segreteria confederale CST ADRIATICA GRAN SASSO.

Non è ammissibile, infatti, ricorrere alle “cure” degli ospedali di Avezzano e L’Aquila per consentire una immediata diagnosi dei tamponi effettuati a gente del posto – afferma Nardella –.

Ho sentito alcuni addetti del pronto soccorso di Sulmona i quali si dicono esterrefatti del fatto che una realtà così importante nello scenario della medicina territoriale e soprattutto in un momento così drammatico non sia ancora dotato di un così importante strumento di indagine – continua Nardella -.

Rivolgere l’invito alle istituzioni competenti di impegnarsi in tal senso è il minimo che si possa fare anche perché sono convinto che il fattore tempo possa giocare un ruolo determinante nello scardinamento  di eventuali nuovi focolai – conclude il membro della segreteria confederale -.

COMUNICATO STAMPA

Messaggio politico elettorale