LA CANDIDATA VITAGLIANI A BORGO BUSSI: “ALLE PORTE DI CELANO MANCANO ANCORA ILLUMINAZIONE E SERVIZI”

CELANO – “Quelli che dovrebbero essere dei servizi primari, essenziali, qui a Borgo Bussi sono invece inesistenti. È per questo che ho deciso di scendere in campo in una squadra di professionisti che sarebbe la giusta ‘ventata di freschezza’ all’interno del nostro Comune. Abbiamo un programma che ha lo scopo di affrontare, sviluppare e risolvere tutte le problematiche del nostro paese, per garantire il benessere di tutti gli abitanti, senza più le distinzioni tra cittadini di serie A e cittadini di serie B”.

È l’intervento di Mirta Vitagliani, candidata consigliere nella lista civica “Per Celano”, a sostegno del candidato sindaco Gesualdo Ranalletta.

“Illuminazione, fognature, strade dissestate e rotatorie, sono argomenti che interessano Borgo Bussi ma di cui nessuno si è preso mai carico”, ha detto la candidata, “sarebbero lavoro e servizi da garantire e realizzare per tutelare la sicurezza di tutti i celanesi ma non solo, considerato che questo borgo è quello da cui entrano i visitatori. Siamo stati i primi a fare un comizio a Borgo Bussi, lo faccio io qui come rappresentante di questo territorio, fino ad ora considerato un’appendice di Celano. Ma questa è Celano. I vecchi amministratori hanno avuto 15 anni di tempo per dare attenzione a questa parte della città ma non ci sono mai venuti, se non il giorno dopo al nostro, ora. Come se ci stessero inseguendo. Avrebbero già dovuto riqualificare Borgo Bussi ma non lo hanno fatto ma lo faremo noi. Ci sono due grandi priorità: la rete fognaria e la pubblica illuminazione. Quest’ultima è fondamentale per garantire la sicurezza in queste zone. Una città più efficiente con un’illuminazione pubblica adeguata, la riqualificazione urbana deve passare necessariamente attraverso una riorganizzazione della rete stradale. Ci arrivano diverse segnalazioni da parte di cittadini riguardo l’insicurezza delle nostre strade. Qui in tanti vanno a velocità sostenute e pericolose. Noi lo sappiamo benissimo. Non è sicuro per noi e soprattutto non è sicuro per i nostri figli. Creando più servizi, più sicurezza, il miglioramento nella viabilità andrà a beneficio di tutti. Dal 2015 non c’è più la programmazione sull’illuminazione pubblica. Come vedete noi abbiamo obiettivi chiari. Non sono solo queste le cose che vogliamo fare. C’è il manto stradale da sistemare e poi questa zona è ricca di verde. Il voto è un’espressione di fiducia. Allora datecela la vostra fiducia e noi non torneremo qui sono nelle prossime elezioni, vi garantiamo che ci saremo tutti i giorni del nostro mandato”.

COMUNICATO STAMPA