CELANO, I CANDIDATI CONSIGLIERI MARIANI E TOMASSETTI A CONFRONTO SU TURISMO E CULTURA

CELANO – Hanno parlato di cultura e turismo, a confronto con un gruppo di rappresentanti di associazioni della città, affiancando il candidato sindaco Gesualdo Ranalletta, sostenuto a Celano da una lista civica.

Sono Beatrice Mariani, nel mondo del turismo già da oltre 10 anni e Guido Tomassetti, musicista, molto attivo nel panorama culturale e associativo della città.

“Celano non è al passo con i tempi, presenta delle carenze per le quali l’ingranaggio turistico fa fatica ad avviarsi. Carenze confermate in questi giorni dalle molteplici segnalazioni arrivate. Parlando con i commercianti e con i responsabili di alcune strutture ricettive, ristoratori e proprietari di bar”, ha proseguito Mariani, “è emerso che non esiste una vera coesione, in molti sono stati lasciati a sé, senza davvero un piano o un’organizzazione capace di creare un’offerta turistica. Quando si parla di turismo è necessario impiegare tutti gli operatori locali. È il cittadino stesso che vive in una realtà che vuole muoversi verso la strada dell’accoglienza per sviluppare una rete turistica. Il mio obiettivo è creare un effettivo sistema che faccia muovere l’economia della città e che comprenda il turismo enogastronomico, quello religioso, quello accessibile e senza barriere, il turismo naturalistico e quello sportivo”.

“La cultura è un ramo fondamentale all’interno di tutto quello che rappresenta il turismo”, ha continuato il candidato Tomassetti, “per noi è necessario un cambio di metodo in quanto in questi anni sì è investito ma in modo forse troppo referenziale e senza una programmazione. Se ad esempio un giovane decide si suonare in una serata, la deve organizzare, deve pagarsi la Siae, deve pagare un piano di sicurezza. Sostenendo spese non indifferenti. Senza un vero piano strategico spesso ci sono eventi molto simili e ravvicinati tra loro o che si accavallano nello stesso giorno e difficilmente si riesce ad attirare visitatori. Per Celano è il momento di crescere anche in questo settore, con l’organizzazione di festival e rassegne, con la dovuta programmazione che possa accedere ed essere co-finanziata anche dalla regione. Con la giusta competenza e preparazione si arriva a questi contributi, così come hanno fatto in altre cittadine a noi vicine”.

COMUNICATO STAMPA