LAVORI ALL’EMICICLO: TORNA LA LEGGE URBANISTICA. IN COMMISSIONE SANITA’ IL PIANO TERRITORIALE COVID ABRUZZO E L’EMERGENZA COVID IN VALLE PELIGNA

L’AQUILA – La settimana politica all’Emiciclo si apre con la seduta della Seconda Commissione Consiliare “Territorio, Ambiente e Infrastrutture” convocata, in seduta straordinaria, per martedì 22 settembre 2020, alle ore 10.00, nell’Aula consiliare “Sandro Spagnoli” del Palazzo dell’Emiciclo con il seguente ordine del giorno: esame del progetto di legge  “Modifiche ed integrazioni alle leggi regionali n. 18/1983 e n. 11/1999 e misure urgenti e temporanee e di semplificazione in materia urbanistica”.  Sul punto è prevista l’audizione dell’Architetto Claudio Esposito, Presidente Unione Tecnici Enti Locali.  Mercoledì 23 settembre 2020, alle ore 15.00, è in calendario la Quinta Commissione “Salute, Sicurezza Sociale, Cultura, Formazione e Lavoro”, integrata, in relazione al primo punto, dai Capigruppo consiliari e dai Componenti dell’Ufficio di Presidenza. L’ordine del giorno prevede le audizioni sul “Piano di potenziamento e riorganizzazione assistenza territoriale Covid Regione Abruzzo” dei seguenti partecipanti: Nicoletta Verì (Assessore regionale alla Sanità); Claudio D’Amario (Direttore Dipartimento Sanità della Regione Abruzzo). Il secondo punto riguarda la “Situazione sanitaria-emergenza epidemiologica da virus Covid-19 in Valle Peligna” con le audizioni di: Nicoletta Verì (Assessore regionale alla Sanità); Claudio D’Amario (Direttore Dipartimento Sanità della Regione Abruzzo), Roberto Testa (Manager ASL 1 Abruzzo), Sabrina Cicogna (Direttore Sanitario ASL 1 Abruzzo), Tonio Di Biase (Direttore Sanitario Presidio ospedaliero Sulmona). Si continua con l’esame del progetto di legge (Testo unificato) sulle “Norme per la prevenzione e il contrasto alla diffusione del gioco d’azzardo patologico” e del progetto di legge sugli “Interventi per la prevenzione e il trattamento delle dipendenze patologiche”. In chiusura l’esame del provvedimento sulla  “Disciplina delle attività di tatuaggio, piercing e delle pratiche correlate”.

COMUNICATO STAMPA
Palazzo dell’Emiciclo