AVEZZANO: AL MOMENTO SONO 5 I CASI ACCERTATI COVID ALL’ISTITUTO DON ORIONE

AVEZZANO – Sono 4 i “nonni” risultati positivi al Covid 19 all’interno della Rsa e Casa di Riposo Don Orione: 3 si trovano ricoverati nel nosocomio cittadino ed 1 all’ospedale San Salvatore di L’Aquila per mancanza di posti ad Avezzano. Le loro condizioni, nonostante l’età avanzata, al momento sembrano essere stabili e non destano particolare preoccupazione.

In isolamento all’interno dell’istituto, dopo essere risultato positivo, il direttore che, a seguito delle notizie allarmanti diffuse e che si stanno rincorrendo da ieri sera, ha inviato una lettera ai parenti di tutti gli ospiti per  rassicurarli sulla effettiva situazione che si sta riscontrando all’interno della casa di riposo. Il direttore precisa, inoltre, che l’interesse principale è quello di creare un rapporto di collaborazione e non di competizione con le altre Rsa presenti nel territorio marsicano. Obiettivo principale è il benessere e la tutela dei nonni, che sono un patrimonio importante per tutti noi. I pazienti sono in contatto costante con i familiari, che al momento non possono accedere nella struttura per ovvie ragioni di sicurezza, attraverso video chiamate. A seguito dell’ondata di marzo le visite erano contingentate e non potevano durare più di un quarto d’ora. Tutto il personale, negli ultimi mesi, ha seguito corsi di formazione che hanno contribuito alla propria crescita professionale e soprattutto umana.

Gli ambienti della struttura, già sanificati tre volte al giorno, sono stati ulteriormente igienizzati e sanificati da una ditta esterna con appositi macchinari. Il personale attivo in questo momento, sta affrontando turni raddoppiati o addirittura non sta lasciando nemmeno la residenza. Tutto ciò per sopperire alla mancanza di coloro i quali sono in isolamento ed in attesa della risposta del tampone, cui sono stati sottoposti insieme a tutti i pazienti e per garantire la massima presenza ed appoggio ai “nonni”.

Nessuna ispezione è stata effettuata dai medici della Asl. Al fine di ottenere ulteriori dichiarazioni ufficiali e veritiere la nostra redazione contatterà il direttore della struttura nei prossimi giorni.