L’AQUILA, GIORNATA BIMBI PREMATURI: OGGI CELEBRAZIONE IN FORMA RIDOTTA, CAUSA COVID, IN NEONATOLOGIA

L’AQUILA- Palloncini di colore viola, distanziamento fisico e poche presenze per celebrare, ai tempi del covid, la giornata mondiale del bambino prematuro. Anche quest’anno, a dispetto della pandemia, il reparto di neonatologia e terapia intensiva neonatale dell’ospedale San Salvatore si è colorato  di viola grazie ai palloncini donati dall’associazione L’Aquila Seste. Si è trattato di una celebrazione simbolica poiché, in seguito alle restrizioni imposte dalla emergenza, non è stato possibile fare la tradizionale festa nel reparto. A promuovere la iniziativa la dottoressa Sandra Di Fabio, direttore del dipartimento Materno infantile e direttore del reparto di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale e la dottoressa Rosa Persia, presidente della Onlus L’Aquila per i più piccoli. Novembre è il mese dedicato alle famiglie e ai loro bimbi che nascono prima del tempo e che hanno bisogno di cure intensive, dedicato agli operatori che assistono  questi bimbi durante il ricovero e anche negli anni successivi.

“Purtroppo”, dichiara la Di Fabio, “quest’anno non è stato possibile, come accaduto in passato, ritrovarci tutti insieme, operatori sanitari, volontari, famiglie di nati pretermine secondo un appuntamento che si svolgeva all’insegna della gioia e della partecipazione. Abbiamo voluto comunque  essere presenti, sia pure in modo diverso, per stare accanto a bimbi e genitori per dare un segnale di continuità. Un ringraziamento a tutto il personale del reparto che si prodiga ogni giorno per assistere i piccoli pazienti e che oggi ha provveduto a curare gli addobbi”