GIOVAGNORIO: MARSILIO, SI ASCOLTINO I SINDACI CHE IN QUESTO MOMENTO A TUTTO PENSANO MENO CHE A FARE CAMPAGNA ELETTORALE

Caro Presidente Marsilio, se Lei fosse stato sindaco, prima di essere eletto senatore della repubblica e prima di ritrovarsi eletto governatore dell’Abruzzo, si sarebbe reso conto che i sindaci non fanno campagna elettorale sulle sofferenze e sulla vita dei propri concittadini.” – Tuona il sindaco di Tagliacozzo, Vincenzo Giovagnorio, ormai da giorni a dare battaglia all’inedguatezza di questa Regione sul tema emergenza sanità.

I sindaci hanno un contatto privilegiato con le persone a loro affidate, hanno una conoscenza diretta delle problematiche dei loro territori e più che attaccati o zittiti dall’autorità regionale, dovrebbero essere ascoltati e supportati nella difficile missione a cui sono chiamati quotidianamente.

La realtà è di fronte agli occhi di tutti: la Asl 1 – a differenza delle altre Asl regionali – si è fatta trovare impreparata procurando danni irreparabili al tessuto sociale marsicano e certa politica non ha voluto ascoltare il grido di allarme di chi ha voluto rappresentare le gravi défaillances o meglio la totale inattuazione di un piano anti-covid per questa seconda ondata nella nostra Provincia.

Abbiamo avuto ampia esperienza del “massimo della determinazione” con la quale i dirigenti dell’Azienda sanitaria aquilana hanno affrontato e stanno affrontando questa gravissima emergenza e abbiamo avuto ampia esperienza anche dell’irrispettosa strafottenza con la quale troppo spesso si sono rivolti a noi sindaci. Ed è proprio l’inadeguatezza di questi signori, riscontrata sul campo da primari, medici, infermieri e operatori socio-sanitari, che tanti sindaci, non i pochi afferenti alla sua area di partito, hanno voluto denunciare a gran voce in questi giorni.

“Caro Presidente, anziché sentir ripetere che le responsabilità di tutti i ritardi sono del Governo nazionale, anziché sentir paragonare la Marsica ad altre nazioni e altre capitali europee, anziché rilevare che il grido di dolore e la richiesta di aiuto di noi altri sia un prodromo della campagna elettorale (chissà se ci arriveremo di questo passo, chissà se ci sarà), avremmo voluto sentire in questo frangente una parola di supporto e di conforto, avremmo voluto che magari in modo diretto avesse ascoltato cosa i “soldati semplici” della Regione che le è stata ‘provvidenzialmente’ affidata avrebbero potuto riferirLe in merito a ciò che accade “al fronte”.” Conclude il primo cittadino di Tagliacozzo.