NOMADE SORPRESA E DENUNCIATA DALLA POLFER DI AVEZZANO ALLA STAZIONE FS. ADESCAVA ANZIANI PER DERUBARLI

foto Roberta Placida

AVEZZANO – Nonostante fosse colpita da foglio di via con divieto di dimora ad Avezzano, S.R, 34 anni, proveniente dal campo nomadi di Villa Bonelli a Roma, è ugualmente tornata in città per tentare di mettere a segno piccoli furti in danno di anziani.

La donna fa parte di un gruppetto, noto alle forze dell’ordine che le hanno da tempo segnalate alla Questura dell’Aquila che le ha tutte raggiunte con un foglio di via obbligatorio e divieto di dimora ad Avezzano, che adescano anziani con la promessa di prestazioni sessuali a basso costo. Una volta avvicinate le vittime, le donne deruberebbero e trufferebbero i malcapitati. Episodi che sarebbero avvenuti a decine nelle scorse settimane, anche in pieno giorno, del tutto indisturbate, e che hanno portato la Polfer a fare delle indagini approfondite e faticose proprio per cercare di colpire sul fatto del donne in  questione.

Sabato mattina, quindi, la trentaquattrenne nomade ha cercato di riprendere la sua “attività” ma è stata subito riconosciuta e fermata dalla Polfer che l’ha denunciata e riportata nel campo nomadi di provenienza. Un plauso agli operatori della Polizia che, nonostante la carenza di mezzi e personale, agiscono in ogni modo possibile.