AVEZZANO – Si è svolto questa mattina, nell’Aula Magna del Liceo Statale “Benedetto Croce” di Avezzano, il 4′ convegno storico annuale del ciclo “Dai Marsi ai Marsicani. Quando la storia (non) è una chimera”, organizzato dall’Associatio Minervae.

Interessante il tema: “Le prodigiose erbe dei Marsi. Da antico rimedio a buona pratica di sostenibilità economica”. Nell’excursus della conoscenza e della riscoperta della nostra storia è tradizione, l’associazione mette l’accento ed approfondisce un argomento molto vicino ai Marsi ed alla loro millenaria tradizione e conoscenza.

«Quest’anno parleremo, infatti, delle erbe del nostro territorio – ha detto la presidente Antonina Cofini _ della profonda conoscenza che ne aveva il popolo Marso, dell’utilizzo nella storia e nella tradizione e di come questo “sapere” sia giunto sino a noi e si integri nella sostenibilità economica attuale».

Nel corso della mattinata, alla presenza di scolaresche dei vari Istituti di Avezzano, dopo il saluto della dirigenza del Benedetto Croce e della Presidente di Associatio Minervae, l’ing. Attilio Santellocco ha intrattenuto l’attenta platea su: “Da valorosi guerrieri a esperti botanici”. Ha fatto seguito, poi, l’interessante intervento degli studenti dell’Agrario “Serpieri” di Avezzano (IV a Professionale e IV Tecnico) che con il prof Virginio Russo hanno relazionato su ”Le erbe dei Marsi: riscoprire l’antica esperienza botanica e medicale dei nostri avi”.

“La cucina contemporanea reinterpreta i gusti delle erbe senza tempo”, ha visto protagonista Franco Franciosi, chef del ristorante Mammaròssa di Avezzano e, a chiudere, Enrica Mironti, di Regiflor Natura, ha parlato di:” Regiflor, la tradizione rivisitata dall’azienda. Una mattinata diversa, per studenti e docenti, quella organizzata da Associatio Minervae, che ha visto il popolo Marso protagonista, nella ricca di storia… proiettata nel futuro.