LA COMUNITÀ’ DI CAPPELLE DEI MARSI RICORDA IL VI CENTENARIO DELLA MORTE DI SAN VINCENZO FERRER

CAPPELLE DEI MARSI – Nella serata di giovedì 4 marzo, alle ore 18 presso la parrocchia di San Nicola di Bari, le comunità di Cappelle dei Marsi, di Scurcola Marsicana, di Santo Stefano di Sante Marie, di Tagliacozzo, di Opi, di Cese, di San Pelino e di San Benedetto dei Marsi si sono riunite per ricordare il VI centenario della morte del santo spagnolo Vincenzo Ferrer. La santa messa è stata presieduta da don Ennio Grossi parroco di Cappelle e cancelliere della diocesi con altri parroci delle comunità che venerano la figura del santo domenicano.

Ad accompagnare le comunità in questione ci sono stati i sindaci di Scurcola Marsicana Maria Olimpia Morgante, di Tagliacozzo Vincenzo Giovangnorio e di Sante Marie Lorenzo Berardinetti, il vice sindaco di San Benedetto dei Marsi Maria Di Genova ed il consigliere Franco Farina di Scurcola Marsicana. Nel saluto iniziale fatto dal sindaco di Scurcola, Maria Olimpia Morgante, ha ricordato quando sia molto attuale la figura di San Vincenzo in questi periodi storici che stiamo vivendo ed ha concluso il suo saluto con una forte invocazione: “che San Vincenzo ci dia la forza per esser buon amministratori che costruiscano una società giusta e all’insegna della pace”.

Nell’omelia, il parroco di Cappelle dei Marsi ha ricordato come sia importante riscoprire la memoria della vita e degli esempi di San Vincenzo. «Dovremo – ha affermato don Ennio Grossi – imparare un po’ a riscoprire la memoria del 5 aprile, quando la liturgia ce lo consente, perché la memoria di San Vincenzo si incastona perfettamente nel cammino quaresimale. Perché la predicazione del santo è stata una predicazione incentrata sulla conversione, incentrata sul perdono e incentrata sul tempo della misericordia».

Presente all’interno della chiesa la statua di San Vincenzo Ferrer, restaurata e di proprietà dallo stesso don Ennio che nella mattinata di mercoledì 3 aprile è stata benedetta da papa Francesco in occasione della settimanale udienza del mercoledì in piazza San Pietro. La statua è stata portata in piazza San Pietro da don Ennio Grossi e dai giovani Orlando Andreoli e Gianmarco Di Cosimo.

Foto di Don Ennio Grossi

foto di Gianmarco Di Cosimo

Le celebrazioni in onore del VI centenario della morte di San Vincenzo proseguiranno. Il prossimo appuntamento ci sarà domenica 7 aprile alle ore 17 sempre presso la chiesa di San Nicola di Bari quando don Ennio Grossi presenterà il suo libro: “La storia e il culto di San Vincenzo Ferrer. Vol. III/2 (1410-1419): un libro pubblicato da Edizioni Kirke e vedrà la partecipazione del vescovo Orlando Antonini ex nunzio apostolico in Serbia. Infine, il 29 aprile lo stesso don Ennio Grossi partirà alla volta di Catania, per prendere dalle mani dei domenicani una lettera autentica scritta dalle mani di San Vincenzo: questo importante documento, che è stato la prima reliquia del santo giunta in Italia nel 1455, sarà presente nella parrocchia di Cappelle dal 5 di maggio. Tale importante e prezioso documento resterà esposto in parrocchia per un mese circa.