AVEZZANO – Una notizia è emersa, forse l’unica, dal monologo autocelebrativo di Gabriele De Angelis, oggi in sala consiliare ad Avezzano, a difesa delle “realizzazioni” di questi 23 mesi e 10 giorni.

Riguarda l’annuncio dell’avvio dei lavori di “riqualificazione” di Piazza del Mercato. Tradotto in italiano: da domani mattina si iniziano a tagliare gli alberi di Piazza del Mercato per poi andare avanti con l’installazione di manu-artefatti in metallo e plexiglass che trasformeranno quella zona in un gigantesco ed invivibile forno a microonde.

La Città Bella, un incubo più che un impegno

La città, a questo punto, è chiamata a dare una risposta. Diciamo “NO” all’ultimo indigesto regalo del Comandante. Sin dalle prime ore del mattino di domani, dalle 6,30/7 invitiamo i cittadini a recarsi in Piazza del Mercato, circondare gli alberi e la piazza stessa a far catena e muro contro motoseghe e ruspe. Si tratta di difendere l’ultimo pezzo di storia di questa città, l’unico che forse si riuscirà a strappare alla furia anonimizzante del Comandante e dei suoi collaboratori, tecnici e politici.

Francesco Eligi

Sul posto domani mattina sicuramente ci sarà il consigliere del Movimento 5 Stelle, Francesco Eligi, che a sua volta chiama ad una sorta di sit-in in difesa degli alberi secolari che sono in piazza del Mercato e della piazza stessa: «Il sindaco e la fu amministrazione De Angelis, prima di andar via, non hanno ben riflettuto sul da farsi a Piazza del Mercato.
Verrà realizzato una sorta di maxi-forno solare e bisognerà dire addio agli alberi che rendevano vivibile il largo in estate. Conclude Eligi – Domattina sarò lì a documentare l’ennesimo sfregio alla Città di Avezzano perpetrato senza alcuno scrupolo».

E allora, per riassumere, l’appuntamento è per domani mattina, prima è meglio è, in Piazza del Mercato, per difendere gli alberi, per difendere la piazza, per rispedire al mittente quest’ennesimo sfregio ai luoghi identitari e tradizionali di questa città.