MOLTO PARTECIPATA LA PRESENZA AD UNO DEI PRIMI CONVEGNI IN ABRUZZO SULLA NUOVA REGOLAZIONE ARERA NEL SETTORE DEI RIFIUTI URBANI

CIVITELLA ROVETO – L’incontro, che ha visto anche un apprezzato ed interessante dibattito sui temi trattati dagli esperti di UTILITALIA, si è aperto con le parole dell’amministratore di SEGEN SPA FERNANDO CAPONE:

L’obiettivo che auspichiamo noi operatori, in particolare noi del sistema pubblico, è un sistema più efficiente, economico ma qualitativamente sempre di livello, certamente nel rispetto degli equilibri della finanza pubblica, ma aggiungerei, perché spesso viene dimenticato, per la difesa e la tutela degli interessi dei cittadini. 

E tutti noi, gestori, Comuni ed Enti sovra comunali, anche dopo le innovazioni di ARERA, siamo ora chiamati alla prova dei fatti.  Dovremmo attivare tutti gli strumenti necessari per rendere il sistema valido ed efficiente: Incentivare ancora di più, migliorare ed omogeneizzare i servizi di raccolta, trattamento e smaltimento dei rifiuti,  garantire trasparenza delle informazioni agli utenti sono alcuni dei  principi basilari che facciamo propri  delle nuove linee tracciate da ARERA, proprio come Autorità di regolazione.

C’era quanto mai bisogno di un quadro di regole comuni. Forse doveva essere maggiormente  condiviso con gli attori protagonisti, ma comunque ora queste regole sono  a disposizione dei gestori dei servizi, dei Comuni e degli altri Enti territorialmente competenti.

Dobbiamo giungere ad  uno sviluppo strutturato di un settore che parte, come è evidente, da condizioni molto diversificate, sia a livello regionale che italiano, anche come governance territoriale.

Noi gestori pubblici lo sentiamo forte questo obiettivo, sentiamo forte la responsabilità di rendere il sistema maggiormente “umano”, dove accanto alla voce “profitto” proposta dagli operatori  privati, giustamente perché è il loro mestiere,  sia messa in evidenza la voce equità che il mondo pubblico deve perseguire.

Caloroso è stato il benvenuto agli amministratori e presidenti delle società pubbliche abruzzesi con i quali è in fase avanzata un percorso di condivisione progettuale per i futuri scenari che la Regione Abruzzo ha in mente per il sistema dei rifiuti.

Rivolgendosi poi a Pierluigi Biondi, Sindaco di L’Aquila, presente anche nelle vesti di Presidente dell’Assemblea dell’Agir, Autorità gestione integrata rifiuti urbani.

L’Agir rappresenta una scommessa ed una sfida, per tutti. Per i Comuni, per noi aziende pubbliche, insomma per tutti gli attori del settore. È una partita che tutti noi dobbiamo giocare con senso di responsabilità, con lungimiranza, con grande  attenzione e con un grande obiettivo: mettere al primo posto i cittadini. Sarà certamente compito della politica definire linee e strategie per la rivisitazione del sistema dei rifiuti regionali, ma sentiamo forte noi soggetti pubblici il compito di accompagnare i nostri Comuni Soci nel rendere il sistema,  come ho detto prima “umano” ed equo.

L’Agir è un organismo destinato a fare scelte che avranno una ricaduta sui cittadini, a partire dalle tariffe. 

E queste riflessioni sono quanto mai attuali oggi, soprattutto dopo l’intervento di ARERA.