REPLICA DEL DIRETTORE DEL CSC ALLA DENUNCIA DEGLI STUDENTI

AVEZZANO– A seguito della pubblicazione della lettera pervenuta alla nostra redazione dagli studenti che hanno
partecipato al bando per l’anno accademico 2020-2022 della Scuola Nazionale di Cinema CSC di Roma, con
sede in Abruzzo, per il corso di Reportage Audiovisivo, nella quale veniva denunciato il mancato inizio dello
svolgimento del programma di studio, ci è giunta lettera di rettifica a firma del Direttore Marcello Foti del
CSC Abruzzo. I sette candidati, che avevano superato prove ed esami di ammissione, sono rientrati nelle
loro città in attesa dell’ufficializzazione dell’ammissione al corso di studi. Tale ufficializzazione non era
ancora pervenuta, almeno fino ad oggi, quando, con straordinaria concomitanza di tempi, e per il
meraviglioso potere combinatorio con cui la “sorte” gestisce le umane cose, i candidati hanno ricevuto
lettera di conferma da sottoscrivere, entro il 7 febbraio, con l’invito a presentare i certificati per poter
formalizzare definitivamente la partecipazione al corso

 

Cari ragazzi, egregio Assessore,

si fa riferimento alle informazioni riportate a mezzo stampa riguardo alla presunta mancata attivazione dei corsi didattici della sede dell’Aquila del centro Sperimentale di cinematografia. Tali informazioni non sono del tutto veritiere e, dunque, meritano di essere opportunamente precisate.
I corsi ordinari relativi al secondo e terzo anno della scuola nazionale di cinema sono partiti regolarmente all’inizio di gennaio, sulla base dell’accordo in convenzione rinnovato con la regione Abruzzo per il triennio 2019/2021. Non ha preso, invece, avvio il corso del triennio 2020/2022, stante la mancata copertura, anche finanziaria, dell’ultima annualità. Di tale circostanza si è provveduto a dare tempestiva informativa alla regione stessa, chiedendo di manifestare – seppure, in questa fase, anche in modo informale – la volontà di consentire il completamento del triennio mediante la copertura finanziaria anche dell’annualità 2022.
Il ritardo nell’avvio del corso è dovuto semplicemente alla mancanza di riscontro sulla questione da parte della regione.
Tuttavia, anche al fine di evitare ulteriori disagi agli allievi che hanno partecipato alle selezioni del corso in questione e di non vanificare l’impegno da loro profuso nella preparazione
– d’intesa con il presidente e con il direttore generale della fondazione – si è deciso di dare regolare avvio al corso già a partire dalla prossima settimana, auspicando che la successiva interlocuzione con la regione Abruzzo possa portare alla conclusione di un accordo che copra anche l’annualità 2022.
Infine, per opportuna informativa e precisazione, si fa presente che non corrisponde al vero l’asserita circostanza che la regione abbia già provveduto a corrispondere, in anticipo, Ie quote finanziarie dovute al CSC a copertura delle annualità 2020/2021. Alla data odierna non risulta pervenuto alcun pagamento e la Fondazione sta anticipando le spese di esercizio e quelle relative all’attività didattica per il corrente anno.
Si resta a disposizione per ogni altro eventuale chiarimento in proposito.
Il direttore
Dott. Marcello Foti

FINANZIATA DALLA REGIONE LA SCUOLA NAZIONALE DI CINEMA A L’AQUILA MA I CORSI NON PARTONO