L’INPS ABRUZZO PROSEGUE NELLO SFORZO DI GARANTIRE LA LIQUIDAZIONE DELLE FORME DI SOSTEGNO AI LAVORATORI E ALLE AZIENDE

ABRUZZO – L’INPS Abruzzo prosegue, con forte impegno, nello sforzo di garantire la liquidazione delle forme di sostegno ai lavoratori e alle aziende, come previsto dalle disposizioni governative in materia di COVID-19. In tale contesto, si fornisce agli organi di stampa un aggiornamento sull’andamento delle richieste di alcune prestazioni e delle rispettive autorizzazioni e/o liquidazioni nella Regione Abruzzo.
Si trasmettono pertanto i seguenti prospetti, relativi agli interventi COVID-19, riguardanti:

1) la liquidazione dell’indennità di 600,00 € per i lavoratori autonomi e iscritti alla gestione previdenziale separata,

2) le domande pervenute di Cassa Integrazione Ordinaria (CIGO),

3) le domande di intervento del Fondo d’Integrazione Salariale (FIS),

4) la Cassa Integrazione in Deroga.

1. Indennità di 600,00 Euro.
Nel prospetto seguente si riporta la situazione relativa al pagamento delle indennità Covid per i lavoratori autonomi e iscritti alla gestione previdenziale separata. Al 17 aprile 2020 sono state messe in pagamento in Abruzzo poco meno di 70 mila richieste di indennità, pari al oltre il 72% delle domande presentate. Nella colonna “verifica IBAN” sono riportate le domande accolte con iban ancora da validare per alcune incertezze (casi di iban errato o riscontro bancario non validato). La differenza tra domande presentate, domande in pagamento e verifica iban, è costituita in parte da domande respinte dai controlli automatici ed in parte da domande ancora da lavorare o da riverificare.

Dati al 17 aprile 2020(*)

COVID_600,00 Euro
Nome sedeDomande presentateIn pagamentoVerifica Iban
Chieti25.30218.818319
L’Aquila6.1054.509292
Sulmona4.6123.279125
Avezzano11.5448.254569
Pescara21.94115.962544
Teramo26.58718.732832
TOTALE96.09169.5542.681

(*) [IMPORTANTE] Si informano gli utenti che l’Istituto ha messo, sul proprio sito istituzionale (www.inps.it), a disposizione degli Utenti, la possibilità di verificare l’esito della propria istanza; si comunica altresì che a partire dalla metà di questa settimana sarà possibile anche modificare i dati eventualmente inseriti in maniera errata, con particolare riferimento all’IBAN. Per accedere bisogna seguire il seguente percorso: cliccare su BOX indennità 600 Euro, inserire Codice Fiscale e PIN, cliccare su indennità COVID-19 e infine cliccare su “Visualizza esiti”.

2.Cassa Integrazione Guadagni Ordinaria (CIGO – dati al 20.04.2020 ore 11,00)
In merito alla CIGO, si precisa che sono state autorizzate circa il 74% delle domande pervenute. Si ricorda che la fase autorizzativa è propedeutica alla successiva trasmissione all’Istituto, da parte delle aziende, della documentazione necessaria (mod. SR41); tale riscontro consente all’Istituto di definire la fase di liquidazione della integrazione salariale.
Per doverosa informazione al territorio Abruzzese, appare, altresì, opportuno informare che la percentuale delle domande cigo con c.d. “pagamento a conguaglio” da parte delle aziende è pari al 23%, a fronte di quella delle domande c.d. a “pagamento diretto Inps”, che è pari al 77%.

Dati al 20 aprile ore 11,00

PROVINCIADOMANDE CIGO presentatePercentuale sul totale regionaleStima lavoratori interessatiNumero domande autorizzateStima lavoratori interessati
CHIETI2.26629%33.9901.77126.565
L’AQUILA78510%11.7756039.045
SULMONA2373%3.5551782.670
AVEZZANO4856%7.2753204.800
L’AQUILA PROV.1.50719%22.6051.10116.515
PESCARA1.52620%22.8901.06615.990
TERAMO2.51532%37.7251.83427.510
TOTALE7.814100%117.2105.77286.580

3. FIS (Fondo Integrazione Salariale)
Dati al 17 aprile 2020

Provincianumero domande pervenutePercentuale sul totale regionale
chieti67529%
l’aquila22410%
sulmona804%
avezzano1275%
l’aquila prov43119%
pescara66729%
teramo54023%
TOTALE REGIONALE2.313100%

4. Cassa Integrazione in Deroga

Provincianumero domande pervenute (*)Percentuale sul totale regionale
Chieti00
L’aquila00
Sulmona00
Avezzano00
L’aquila Prov00
Pescara00
Teramo00
TOTALE REGIONALE00

* in attesa di trasmissione delle domande da parte della Regione che sta già ricevendo le domande da parte delle aziende

 

COMUNICATO STAMPA