TAGLIACOZZO. GRANDE INAUGURAZIONE, CON NINA ZILLI, DEL FESTIVAL INTERNAZIONALE DI MEZZA ESTATE (VIDEO)

Messaggio politico elettorale

Una serata splendida ha contribuito al successo dell’inaugurazione della XXXVI edizione del Festival Internazionale di Mezza Estate della Città di Tagliacozzo.

Straordinaria partecipazione del pubblico, oltre 1200 le presenze. All’ingresso accuratamente controllate con il prelievo della temperatura. Gli spettatori sono stati abbracciati dalla scenografia incredibile di Piazza dell’Obelisco perfetta sintonia con l’eleganza e la ricercatezza della manifestazione.

Un’organizzazione voluta dall’Amministrazione comunale, guidata dal sindaco di Tagliacozzo Vincenzo Giovagnorio, coadiuvato dall’assessore alla cultura, al turismo allo spettacolo Chiara Nanni, e  con la direzione artistica del  M° Jacopo Sipari di Pescasseroli.

Il Sindaco Vincenzo Giovagnorio ha espresso il suo sentito ringraziamento al  pubblico per la partecipazione. “ Non potevamo non lavorare a questa manifestazione che è una delle più prestigiose della nostra Nazione. Siamo tra i primi 30 festival d’Italia aderendo al Club Italia Festival. Il nostro è sicuramente il festival più antico di musica, teatro e danza della Regione Abruzzo. Grazie alla compartecipazione di tutta l’amministrazione comunale e  di tutti tecnici del comune se è stato possibile allestire il programma.” . Il Primo cittadino di Tagliacozzo ha poi porto il saluto alla delegazione della Regione, ai sindaci presenti di Castellafiume, Capistrello, Scurcola Marsicana, Rocca di Botte, al delegato del sindaco di L’Aquila. Inoltre ha ringraziato la rappresentanza della Guardia di Finanza, della Polizia di Stato, il neo Capo di Gabinetto del Questore di L’Aquila, Jacopo Sipari di Pescasseroli., il Comandante della Compagnia Carabinieri di Tagliacozzo, Silvia Gobbini, i volontari di Avezzano e Tagliacozzo della Croce Rossa Italiana rappresentata dalla professoressa Maria Teresa Letta.  La quale, a fine serata,  ha ritirato l’importo di 2.345,00=euro  quale donazione volontaria del pubblico.

 E’ stata poi la volta dell’assessore Chiara Nanni: ”Questo è un festival nato con tanti interrogativi e tante incertezze. Appena uscito il Decreto Ministeriale che regolamentava lo spettacolo, con il direttore artistico ci siamo chiesti se lasciar stare o provarci. Noi abbiamo provato, perché non potevamo rinunciare all’appuntamento culturale più importante, sia per noi, sia per Tagliacozzo e sia per i tanti turisti che ogni anno ci vengono a trovare.  Il risultato è stato un festival completamento rivisto, completamente nuovo, dove la tradizione si è sposata a una concreta innovazione, creando un connubio tra i ponti storici Mozart, Puccini, Verdi ai volti noti della musica italiana Massimo Ranieri, Vinicio Capossela. Stasera un’ inaugurazione insolita quanto entusiasmante con l’artista Nina Zilli. Investire in cultura è investire in civiltà.”

Devo dire sono veramente emozionato, perché siamo riusciti a fare ciò che ci siamo preposti all’inizio di questo viaggio.” Così il Direttore artistico il M° Jacopo Sipari di Pescasseroli si è rivolto al numeroso pubblico  “Un mese fa ero seduto al tavolo di Italia Festival, che raccoglie i festival più prestigiosi e storici della nostra nazione, dove c’era Ravenna, il Pucciniano, Spoleto, ma tutti parlavano di Tagliacozzo festival, e questo penso sia la cosa più bella che abbiamo lasciato. Abbiamo fatto in modo che questa meravigliosa città, dove voi tutti fate il festival,  voi siete il festival e siate sulla bocca di tutti, dei grandi festival che guardano a Tagliacozzo. Seguiteci e godete di una manifestazione  che è frutto di un atto d’amore incondizionato di noi tutti per questa città. Speriamo di aver realizzato quello che ognuno di noi porta nel cuore, grazie anche alla partecipazione di tutti gli artisti, il desiderio di dimenticare  questo brutto momento che abbiamo vissuto e guardare al futuro, con una grande speranza d’amore e una grande speranza di rinascita.”

Sobria la conduzione affidata a Gianluca Rubeo.

 

 

Messaggio politico elettorale