RECOVERY FUND, INFRASTRUTTURE: LE PRIORITÀ IN ABRUZZO

L’AQUILA – Le infrastrutture rappresentano una priorità del programma di governo regionale per recuperare uno svantaggio competitivo che la regione ha accumulato negli anni. Settantatre proposte progettuali per 7 miliardi e mezzo di euro su cui sta lavorando una cabina di regia mentre mercoledì a Roma, al Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, il presidente della giunta regionale porrà la firma per il progetto di potenziamento della tratta ferroviaria Pescara-Roma.

È quanto emerso oggi a L’Aquila, a Palazzo Silone, nell’incontro con i sindacati e i rappresentanti di categoria per analizzare lo stato dell’arte relativamente al piano di rilancio nazionale su cui saranno convogliati i fondi europei del Recovery Fund che riveste un ruolo strategico per la ripartenza. Presenti anche l’assessore regionale alle attività produttive, il Sottosegretario con delega ai trasporti e alle infrastruture e il direttore della Presidenza.

Tante le opere indicate: dal potenziamento della rete ferroviaria, agli interporti di Avezzano e Manoppello, ai porti, alle strade Anas, alle funivie, rete idrica, completamento delle Reti Ten-T e interventi per il rischio idrogeologico.

“Oggi – ha detto il Presidente – è emersa una sintonia tra Regione, rappresentanti del territorio, di categoria e dei lavoratori. C’è comunione di intenti sulle infrastrutture necessarie allo sviluppo del territorio su cui abbiamo relazionato, spiegando il lavoro che stiamo svolgendo con l’interlocuzione delle regioni e del governo per presentare progetti cantierabili, realizzabili nei tempi e nei modi previsti con i limiti del cosiddetto Recovery Fund, il piano nazionale di resilienza e di rilancio.

Speriamo che il governo sappia valorizzare il lavoro che le Regioni stanno facendo. Noi continuiamo con la scrematura di oltre 70 progetti presentati per oltre 7 miliardi e mezzo di spesa. È impensabile poterli avere tutti ma sappiamo che dovremmo essere pronti a spendere quelli che arriveranno anche se dovremo fare i conti con la ripartizione delle risorse tra Regioni. Dobbiamo dare priorità a quelli che presentano definizione più elevata e immediata cantierabilità, che possano essere messi in campo in sintonia con i criteri e le linee strategiche che l’Europa e il governo nazionale hanno definito per l’utilizzo di questi fondi.

Intanto – ha proseguito il Presidente – il 7 ottobre al ministero delle Infrastrutture, sotto l’egida del ministro, con il presidente della regione Lazio, ci vedremo per sottoscrivere il progetto condiviso a seguito del tavolo costituito nel marzo scorso, per il potenziamento e la velocizzazione della linea Pescara- Roma che mette in campo soluzioni tecniche e progettuali per poter percorrere la tratta in meno di due ore, rendendo i collegamenti con l’Adriatico più snelli e risolvere così un problema storico del nostro territorio. Chiederemo al governo di finanziarlo, magari nell’ambito di questi fondi straordinari che arriveranno dall’Europa per rispondere all’emergenza Covid. Questa è una delle opere più importanti che dovrà esssere realizzata non solo per l’Abruzzo ma per l’Italia”.

COMUNICATO STAMPA