CORONAVIRUS: ABRUZZO, DATI AGGIORNATI AL 23 NOVEMBRE. CASI POSITIVI A 24288 (+640 SU 4491 TAMPONI)

ABRUZZO – Sono complessivamente 24288 i casi positivi al Covid 19 registrati in Abruzzo dall’inizio dell’emergenza.

Rispetto a ieri si registrano 640 nuovi casi (di età compresa tra 10 mesi e 100 anni). I positivi con età inferiore ai 19 anni sono 89, di cui 32 in provincia dell’Aquila, 11 in provincia di Pescara, 17 in provincia di Chieti, 29 in provincia di Teramo.

Il bilancio dei pazienti deceduti registra 18* nuovi casi e sale a 804 (di età compresa tra 54 e 93 anni, 8 in provincia dell’Aquila, 2 in provincia di Pescara, 1 in provincia di Chieti e 7 in provincia di Teramo). *(5 casi sono riferiti a decessi avvenuti nelle scorse settimane e comunicati solo oggi dalle Asl).

Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 7135 dimessi/guariti (+404 rispetto a ieri).

Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 16349 (+218 rispetto a ieri). Dall’inizio dell’emergenza Coronavirus, sono stati eseguiti complessivamente 380408 test (+4491 rispetto a ieri).

672 pazienti (+8 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in terapia non intensiva; 71 (-1 rispetto a ieri) in terapia intensiva, mentre gli altri 15606 (+211 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl.

Del totale dei casi positivi, 7994 sono residenti o domiciliati in provincia dell’Aquila (+206 rispetto a ieri), 4638 in provincia di Chieti (+81), 4790 in provincia di Pescara (+57), 6474 in provincia di Teramo (+303), 223 fuori regione (-2) e 169 (-5) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza.

Lo comunica l’Assessorato regionale alla Sanità.

Articolo Precedente

CARABINIERI FORESTALI TROVANO AMMASSI DI RIFIUTI SPECIALI ABBANDONATI ALL’INTERNO DI UNA CAVA. L’EVIDENZA, GRAZIE AL SORVOLO DELL’AREA CON L’ELICOTTERO

Articolo Successivo

TEST RAPIDI GRATUITI NEL COMUNE DI CAPPADOCIA. LORENZIN: “SCREENING SULLA POPOLAZIONE PER PREVENIRE LA DIFFUSIONE DEL CORONAVIRUS”

Articoli correlati