ROSA PESTILLI ENTRA A FAR PARTE DEL COMITATO TECNICO SCIENTIFICO FILP ANPPE

AVEZZANO – Alla luce delle acclarate competenze in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, il Presidente di FILP Vigili del Fuoco Arch. Fernando Cordella ha deliberato nella seduta del 10 dicembre che il Presidente dell’Organismo Paritetico Nazionale Partecipazione e Cogestione (OPN P. & C.) la Dottoressa Rosa Pestilli entri a far parte del Comitato Tecnico Scientifico di FILP ANPPE Vigili del Fuoco.

Il Comitato tecnico scientifico, spiega Cordella, è il massimo organo tecnico dell’Associazione Nazionale  Professionisti per la Prevenzione e le Emergenze, realtà associativa sindacale Vigili del Fuoco,  che ha lo scopo di fornire un forum per la consultazione e la cooperazione sulla raccolta, lo studio e lo scambio di informazioni necessarie per far fronte ai cambiamenti dinamici nel mondo della prevenzione ed in particolare della sicurezza e salute nei luoghi di  lavoro, ecco perché è importante arricchirlo di professionalità come la Dottoressa Pestilli, che possano contribuire a dare risposte a questa annoso problema della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, che purtroppo ogni anno miete tante vittime.

La Dottoressa Pestilli, esperta nella responsabilità para-penale di impresa e autrice. del libro modello 231 : l’azione preventiva che tutela l’azienda, nel tempo oltre a svolgere l’attività di giurista di impresa e consulente aziendale a 360 gradi è diventata un innovation manager iscritta all’albo Mise per sviluppare e innovare i processi e le competenze aziendali.

“Con la collaborazione della Presidente Pestilli” conclude Cordella “si vuole creare quella sinergia tra OPN e FILP ANPPE, capace di accrescere  la formazione e l’informazione in campo della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro anche per gli associati FILP Vigili del Fuoco”

 

Articolo Precedente

PARTITO DEMOCRATICO: “PIENO SOSTEGNO E AMPIA ADESIONE ALLA MANIFESTAZIONE DEI SINDACATI”

Articolo Successivo

D'ALESSANDRO A SPERANZA SU OSPEDALE AVEZZANO: “COSA DEVE ACCADERE DI PIÙ?”

Articoli correlati