AVEZZANESE SI FERISCE PER EVITARE IL TRASFERIMENTO IN CARCERE DAI DOMICILIARI

AVEZZANO – Si procura ferite e lesioni per evitare il trasferimento in carcere dal regime dei domiciliari. È accaduto ad Avezzano quando gli uomini della Guardia di Finanza hanno notificato a Orlando Morelli, avezzanese, la decisione del giudice che lo poneva in stato di detenzione in carcere come misura cautelare.

L’aggravamento della misura a Morelli, è stata richiesta, su segnalazione della Finanza di Avezzano, dal Pm Savelli e disposta poi con relativo provvedimento dal Gip di Avezzano, Proia, a causa delle continue violazioni commesse dall’uomo e che sarebbero consistite nel mancato rispetto delle prescrizioni in quanto, pur munito di braccialetto elettronico e con divieto di ricevere visite da persone non conviventi, Morelli avrebbe ricevuto spesso visite anche di persone non conviventi e pregiudicate.

Il carcere di Avezzano

La dinamica della notifica del provvedimento e della sua esecuzione, però è stata tutt’altro che tranquilla. Morelli, infatti, si è prodotto delle lesioni sul corpo, al fine di evitare o quantomeno ritardare il trasferimento in carcere, situazione che ha reso necessario, da parte dei Finanzieri che stavano eseguendo l’ordine, chiedere l’ausilio di un presidio medico del 118, con visita di controllo in ospedale. Un atto che, alla fine, non ha in alcun modo influito sull’esecuzione del trasferimento visto che l’avezzanese, entro la serata, è stato ugualmente ristretto nel casa circondariale di Avezzano.