AVEZZANO – Ancora una domenica da dimenticare per l’Avezzano Calcio, che cade di nuovo fra le mura amiche.

Biancoverdi che anche questa domenica non riescono a trovare la prima vittoria in campionato (in casa) per questo 2019. Uno spumante da stappare che ormai sta congelando.

Ancora una volta l’Avezzano Calcio cade in casa, mantenendo invertito il trend che li ha visti finire l’anno 2018 con vittorie in casa e sconfitte in trasferta, per poi ribaltare totalmente, sviluppando una pericolosa paura da palcoscenico in casa propria.

Anche oggi infatti il palco resta degli avversari. Ovviamente oggi lo scontro è stato più meritorio per i ragazzi di mister Giampaolo; infatti c’è differenza tra perdere 0-2 contro la 17esima in classifica (domenica scorsa) e perdere 0-1 contro la seconda in classifica.

Infatti, l’Avezzano non gioca male, tiene il campo e non concede molto, polarizzando il gioco a centrocampo, come ogni domenica. Purtroppo però il gioco tecnico ne risente, sia per il campo non ancora in condizioni idonee, sia per l’avversario che si presenta in campo con più del doppio dei punti rispetto ai marsicani.

E, nonostante questa disparità di classifica, i biancoverdi provano a reggere il primo tempo con porta inviolata. Ma, come domenica scorsa, quando il primo tempo sembra essere finito, arriva il gol avversario. Matelica che sfonda al 45esimo tra le maglie avezzanesi e Angelilli la mette dentro. 0-1.

Da qui in poi il copione si rinnova, Avezzano che cerca il gol del pareggio,ma non riesce ad esporsi abbastanza per incidere sulla partita. Avversari che controllano la situazione in difesa e respingono i padroni di casa, accennando anche azioni in attacco per abbassare il baricentro avversario. Matelica che difende bene, cinica e porta a casa i 3 punti.

Avezzano Calcio sempre più vicina invece al punto di non ritorno, che non credo sarà la retrocessione diretta, ma il play out, il quale si avvicina come un’ombra molto densa su questa stagione. E retrocedere l’anno del centenario sarebbe davvero una punizione immeritata, per una squadra che l’anno precedente si trovava agli antipodi della classifica odierna.
Fortunatamente la prossima partita è in trasferta, contro la decima in classifica, la Sammaurese. Aspettando tempi (casalinghi) migliori, mister Giampaolo dovrà trovare il bandolo della matassa per rubare questi 3 punti in casa altrui.