INFORTUNI SUL LAVORO IN ABRUZZO. SPINA (CGIL): «UN’EMERGENZA CHE RESTA ANCORA TALE»

PESCARA – Infortuni sul lavoro in Abruzzo, un problema che era e resta drammatico. A sostenerlo è il segretario di Cgil Abruzzo e Molise, Franco Spina che parla di un tema che puntualmente si ripresenta in ogni statistica fornita dall’Inail, l’istituto pubblico nazionale cui sono assegnate le maggiori competenze su questo tema. Il segretario regionale della Cgil Abruzzo Molise parte dal bilancio che l’Inail ha reso pubblico sull’anno 2018. Numeri che riportano una realtà difficile, visto che in Abruzzo i dati evidenziano una situazione contraddittoria e confermano in generale un’emergenza ancora lontana dall’essere risolta.

Franco Spina

«In Abruzzo – spiega Franco Spina – l’Inail ha evidenziato una riduzione degli infortuni, che passano da 14.299 a 13.837 (-3,24%), con un calo significativo per quelli sul lavoro. E tuttavia – sottolinea – va evidenziato che la riduzione si concentra in settori specifici e non è uniforme nei vari comparti economici. In particolare, se sul versante dei settori artigianali e del terziario si registra una diminuzione, è nel comparto industriale che gli infortuni dichiarati sono al contrario aumentati: dai 2.719 del 2017 ai 2.886 dell’anno scorso. Sono dati che non possono non allarmare. Tali – afferma Franco Spina – che per noi il tema della prevenzione degli infortuni resta una priorità nell’azione sindacale. Lo è perché sono ancora migliaia i lavoratori abruzzesi che ogni giorno subiscono danni o perdono la vita. Spesso sono lavoratori precari, carenti di formazione, o lavoratori che quotidianamente operano in ambienti e condizioni difficili, in appalto o subappalto. Fatto è che l’indebolimento costante portato avanti nei confronti di chi dovrebbe vigilare sul rispetto delle regole e dei cantieri ha ulteriormente minato il sistema di prevenzione e repressione nei confronti di chi non rispetta le leggi. Servono politiche serie anche regionali – conclude Spina – bisogna potenziare i controlli e operare massicciamente sul versante della formazione e dell’informazione. Manca ancora una vera cultura della prevenzione, la sicurezza nei luoghi di lavoro viene spesso considerata solo un costo. Per invertire la rotta serve ben altro, ad esempio pretendere il rispetto delle norme che pur ci sono e costruire un sistema che premi quelle aziende che investono in sicurezza e prevenzione, evitando in tal modo una concorrenza sleale troppo spesso giocata sulla pelle dei lavoratori».