SANITÀ. PAOLUCCI (PD): «STESSO PIANO OSPEDALI DELLA GIUNTA D’ALFONSO. ORA NON SI PROTESTA»

Per l'ex assessore, Marsilio ha tradito le promesse elettorali per fare i conti con la realtà

L’AQUILA – Rete ospedaliera abruzzese. Resta tutto come predisposto dalla Giunta D’Alfonso-Lolli. e a illustrare questo risultato è proprio l’ex assessore alla sanità della precedente Giunta regionale, Silvio Paolucci del Pd. IN sostanza Dea di I e Ii Livello restano come programmati dal centrosinistra, mentre sono svaniti i promessi Dea di II Livello per ogni capoluogo di provincia e le promozioni annunciate per alcuni ospedali. Un piano, sottolinea Paolucci nella nota che riportiamo integralmente, che era stato contestato dal centrodestra ferocemente, quando era all’opposizione di D’Alfonso, provocando anche proteste e nascita di comitati, e che invece, ora, è stato riproposto pressoché integralmente.

Questa comunque la dettagliata nota dell’ex assessore regionale alla sanità, Silvio Paolucci: «La Giunta Marsilio getta la maschera anche sulla programmazione sanitaria. Dopo una campagna elettorale improntata sulle facili promesse e selfie, la coalizione di Governo regionale si scontra contro la verità dei fatti. Dopo le prime indiscrezioni circolate ieri, oggi l’Assessore al ramo, che ha predisposto un lavoro di onestà intellettuale, ha illustrato la proposta della nuova rete ospedaliera abruzzese: la conferma della precedente programmazione, con gli adeguamenti fino ad aprile 2021 per Penne e Popoli, in ragione delle note modifiche legislative nazionali.

Silvio Paolucci

Molte, invece, le promesse tradite: dai DEA di II° che avevano promesso in ogni capoluogo di Provincia (e riproposte nelle recenti elezioni comunali), passando per la mancata programmazione dell’emodinamica di Vasto, alla non riuscita promozione dei presidi ospedalieri di Sulmona e Giulianova ad Ospedali di I° livello. In pratica confermano i due DEA di 2 livello Chieti-Pescara e L’Aquila-Teramo, definiti dal precedente governo, i DEA di I° livello a Lanciano, Vasto, Avezzano. Tuttavia, il DEA di II° livello di L’Aquila -Teramo è espresso in modo timido. È stato esposto, infatti, che per via del Gran Sasso le tempistiche di attivazione saranno decisamente più dilatate rispetto a quello di Chieti-Pescara, al contrario delle promesse elettorali.

Registriamo, invece, la reiterazione della richiesta di deroga alla chiusura del Punto Nascita della città ovidiana, così come suggerito nelle scorse settimane dalla risoluzione presentata in Consiglio regionale, e della zona disagiata per Atessa, seguendo i provvedimenti varati dalla precedente Giunta di centrosinistra. Così come registriamo che, a distanza di 16 mesi dal nuovo Governo nazionale, il Movimento 5 Stelle non ha apportato alcuna variazione alla programmazione nazionale. In questo caldo pomeriggio d’estate, ciò che rileviamo ed evidenziamo è il fatto che, come neve al sole, si sciolgono tutte le promesse e le strumentalizzazioni politiche cavalcate in questi anni da chi allora censurava le scelte adottate dalla precedente Giunta, che, oggi come allora, sono strettamente connesse ai parametri imposti dalle regole nazionali che Salvini, Di Maio e Grillo si sono ben guardati dal modificare.

Insomma dopo le proteste, comitati e finti comitati, il rancore espresso e utilizzato in campagna elettorale e durante la precedente legislatura, prevale una politica centrodestra – 5 stelle, cialtronesca che ha raggirato sulla sanità comunità e cittadini. Infine, continuiamo a prendere atto del mancato dialogo tra i componenti della maggioranza che sembra non conoscere affatto le scelte dell’esecutivo da loro sostenuto».

Una notazione, però, la vogliamo fare noi. Senza fare differenze far centrosinistra e centrodestra, siamo perplessi sulle “timidezze” come le chiama Paolucci. Vogliamo sinceramente augurarci che quelle “timidezze” possano comportare, in questa legislatura, qualche sorpresa al momento di determinare cosa inserire in ogni singolo Dea. I precedenti, dal trasporto urbano al genio civile non son esattamente dei più promettenti per la provincia dell’Aquila e le aree interne d’Abruzzo in generale. Vorremmo tanto sbagliarci e saremmo felicissimi di poter scrivere il contrario. “En.. Attendant!”.