FIRMATO PROTOCOLLO PER LA LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI

Il Ministero della Salute, Cgil – Cisl – Uil confederali e le rispettive federazioni di categoria si pongono l’obiettivo di attuare misure tese a garantire la salute degli operatori sanitari

ABRUZZO – In seguito alla conferenza stampa “Emergenza Covid-19” tenuta dalle sigle FP-CGIL-FP Medici,CISL- FP Medici, UIL-FPL Medici per un confronto con la Regione e la costituzione di un comitato regionale è pervenuta in redazione la lettera al Presidente Marco Marsilio, all’Assessore alla Sanità Nicoletta Verì e ai Direttori Generali delle Asl Enti del SSR per l’attuazione del protocollo per la prevenzione e la sicurezza dei lavoratori della sanità dei servizi sanitari e socio assistenziali in ordine all’emergenza sanitaria da Covid-19.

Lo scorso 24 marzo è stato firmato un importante protocollo fra il Ministero della Salute, Cgil – Cisl – Uil confederali e le rispettive federazioni di categoria che si pone l’obbiettivo di attuare misure tese a garantire la prevenzione e la sicurezza dei lavoratori della sanità, sia pubblica che privata, che operano nei servizi sanitari, socio sanitari e socio assistenziali, integrando i contenuti del protocollo generale firmato dalle Parti Sociali lo scorso 14 marzo.

Chiediamo pertanto un incontro urgente per insediare il Comitato previsto in tale Protocollo in allegato alla presente.

In attesa di cortese celere riscontro, vista l’impellente necessità di approntare idonee misure a tutela della salute degli operatori sanitari e per evitare la diffusione del contagio nei servizi stessi e all’interno del nucleo familiare degli addetti, riteniamo che sia necessario definire alcune modalità operative.

Continua a mancare in ogni realtà qualsiasi occasione di confronto ed informazione, con le nostre categorie, sulle misure individuate, rinunciando così, tra l’altro, ad acquisire, stante la complicatissima situazione, anche preziosi suggerimenti da chi lavorando sul campo, può contribuire ad individuare soluzioni più rispettose delle norme poste a salvaguardia della salute di operatori e pazienti.

A oggi infatti rileviamo che non esiste, o non è reso disponibile alle scriventi, lo schema coordinato degli interventi disposti, né un dettagliato censimento del personale sanitario e non sanitario colpito dall’infezione da SARS-CoV. Manca altresì un quadro chiaro delle misure di riorganizzazione dei reparti ospedalieri, di potenziamento delle terapie intensive e d’istituzione di Covid-Unit, adottate in Regione.  

Anche riguardo al delicatissimo tema delle carenze nella dotazione dei DPI, chiediamo di fornirci e mettere a pubblica evidenza i dati relativi ai numeri del personale sanitario sottoposto a tampone, quello risultato positivo, quello posto in isolamento domiciliare e quello ricoverato.

Riteniamo altrettanto indispensabile avere a disposizione i dati della reale distribuzione dei pazienti nelle diverse aree di ricovero delle strutture ospedaliere. Chiediamo detti dati non solo nel rispetto delle prerogative sindacali, ma soprattutto nell’ottica di dare evidenza pubblica e difendere il diritto di ogni singolo cittadino di fruire del massimo delle cure possibili, nonché al fine di agevolare e permettere la piena esplicazione del diritto di ogni singolo medico e operatore sanitario di svolgere nella pienezza delle loro competenze e conoscenze il massimo dello sforzo di diagnosi, terapia e cura degli ammalati.  

Per concludere cogliamo l’occasione inoltre per ribadire le posizioni già precedentemente esplicitate e mai riscontrate che trovano oggi puntuale definizione nel richiamato Protocollo e che il costituendo Comitato dovrà affrontare unitamente al tema del Fabbisogno del personale, le materie contrattuali, la situazione regionale in ordine alle strutture residenziali come dettagliato nella allegata nota.

In attesa di urgente riscontro cordiali saluti“.

ALLEGATO 1 Protocollo prevenzione e sicurezza lavoratori 24.03.2020

COMUNICATO STAMPA
Annunci