AVEZZANO: PRESIDIO LEGA DAVANTI LA STRUTTURA DESTINATA AD ACCOGLIENZA DEI MIGRANTI IN ARRIVO

AVEZZANO – In pochi minuti si sono riuniti cittadini e rappresentanti del carroccio capitanati dal consigliere regionale Simone Angelosante ed il candidato sindaco per la Lega Tiziano Genovesi, davanti alla struttura che dovrebbe ospitare i 25 migranti provenienti da Lampedusa.

Ai nostri microfoni Tiziano Genovesi dichiara : – “Sono già diversi giorni che abbiamo lanciato l’allarme per l’arrivo ufficiale di questi 25 immigrati. Dopo la protesta a Civita d’Antino che ha visto già l’arrivo di altri migranti nella Marsica, portati in maniera fraudolenta e di notte.

In una frazione cosi piccola non è possibile che si possano accogliere altre 25 persone.

Anche se i marsicani hanno dimostrato di avere il cuore d’oro, questo non è il modo giusto per accogliere. Continueremo la nostra battaglia per fermare questo governo e non permettere che possa portare ulteriori migranti nella Marsica.

La nostra preoccupazione principale è quella sanitaria e di natura di sicurezza. Ho informato il nostro segretario regionale Luigi D’Eramo ed il segretario federale Matteo Salvini per un’eventuale interrogazione parlamentare. Abbiamo concordato con il consigliere regionale Angelosante la richiesta di accesso agli atti, al comune di Avezzano per verificare se la struttura ha i requisiti per ospitare i migranti.

Stiamo valutando anche un presidio fisso davanti la struttura, ma con molta attenzione, – concludendo Genovesi – perché la situazione è molto delicata. ”

Interviene anche il consigliere regionale Lega Simone Angelosante che dichiara : -” Siamo qui e ci rimarremo a sorvegliare questa struttura che da fuori sembra anche abbastanza ridotta male.

Noi vogliamo controllare che tutta la documentazione sia a posto, già domani mattina farò un accesso agli atti per vedere se sono presenti tutte le certificazioni urbanistiche necessarie e se queste certificazioni non dovessero esserci è ovvio che ci rivolgeremo alle autorità giudiziaria, perché questo business dell’accoglienza ci sta cominciando a dare fastidio.

In un momento in cui i cittadini sono impauriti e costretti a mascherine distanziamento e diversi mesi chiusi dentro, sembra quasi fatto ad arte portare queste persone, come in altri posti, per poi scappare e dopo scoprire anche di essere positivi al covid, come è successo a Civita d’Antino ed esmpi di fuga di massa ci sono in tutta Italia.

Sostenere un depotenziamento delle forze dell’ordine sulla sicurezza della nostra città, per presidiare eventualmente queste strutture non è giusto solo per far arricchire certe persone con lo scopo di fare business a 40 euro ad ospite. La verità è una sola porti chiusi. La Lega dice di no!” Conclude Angelosante.