INTERPELLANZA PAOLUCCI SU FATTI AVEZZANO “CHIEDIAMO ISPEZIONE URGENTE, LA REGIONE SOSTENGA I SINDACI”

MARSICA – C’è costernazione attorno ai fatti accaduti ad Avezzano e approdati alle cronache nazionali e la più seria preoccupazione per l’emergenza coronavirus nel territorio marsicano, che sconta gravi carenze programmatorie e organizzative relativamente all’assistenza sanitaria”, così il capogruppo Pd Silvio Paolucci che sulla situazione ha depositato un’interpellanza per conoscere l’orientamento della Regione su come affrontare l’emergenza.

Diversi sindaci, al fine di far fronte alla nuova ondata di contagi, stanno ricorrendo, con proprie ordinanze, a misure ancora più restrittive di quelle previste dal Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM) del 13 ottobre 2020 – dice Paolucci – segno della mancanza di una gestione dell’emergenza concreta e soprattutto condivisa con la filiera regionale. Così il Sindaco di Avezzano ha disposto il commissariamento della R.S.A. Don Orione, dove sono risultati positivi al Covid-19 un cospicuo numero di pazienti e di operatori sanitari (86 ospiti e 17 operatori, compreso il direttore sanitario geriatra) e ha sospeso anche le attività scolastiche in presenza in tutti gli Istituti scolastici superiori del territorio comunale anche con la finalità di alleggerire il carico sul trasposto pubblico locale ed evitare assembramenti. 

Ma non può bastare, serve una strategia che può arrivare solo da parte della Regione e che al momento non c’è, se altri sindaci del comprensorio marsicano lamentano gravi carenze nel sistema sanitario regionale e hanno denunciato a più riprese, anche pubblicamente, che il tracciamento delle persone contagiate è completamente saltato con gravi conseguenze sul monitoraggio di queste ultime. Un vero e proprio tracollo, a cui si è arrivati giorno dopo giorno, le cui cause dovranno essere chiarite, perché gli effetti sono stati drammatici al punto da dare alla situazione un rilievo nazionale con il caso del 70enne, peraltro non affetto da Covid, morto di fronte all’ospedale mentre attendeva di essere ricoverato e dopo essere stato già rifiutato da un’altra struttura e con quello di ospite 80enne della Rsa Don Orione di Avezzano, spirata in ambulanza di fronte al nosocomio. 

Mi chiedo se il Presidente Marsilio e l’esecutivo siano a conoscenza della progressiva intensificazione di contagi da Covid 19 sull’intero territorio marsicano e cosa intendano fare per affrontare la situazione a tutela della comunità, per quanto di propria competenza, per dare risposte anche alle richieste di aiuto che arrivano dai sindaci e dalla popolazione residente. Così come va fatta anche chiarezza amministrativa, salva la specifica sfera di competenza delle indagini della magistratura, sui casi di cronaca di questi giorni e a tal proposito se la Regione e la Asl si siano attivate dando puntuale indirizzo alle ispezioni per accertare una reale ricostruzione dei fatti che hanno portato a quei tragici episodi, sperando che a una situazione simile non rubino più tempo i litigi della maggioranza per i posti al sole nell’esecutivo e l’urgenza di approvare provvedimenti senza copertura finanziaria”.