MIGRANTI A PATERNO, DI PANGRAZIO: “STRUTTURA INIDONEA, IL PREFETTO INTERVENGA”

AVEZZANO – “Faccio appello al Prefetto affinché prenda atto dell’inidoneità dell’ex centro di formazione professionale Ial Cisl e provveda a trasferire i 25 migranti in altro alloggio”. Dopo aver sollevato, nei giorni scorsi, seri dubbi circa l’idoneità dell’immobile, Gianni Di Pangrazio interviene nuovamente sulla vicenda auspicando che si giunga ad una rapida risoluzione.

“Le perplessità da me manifestate nei giorni scorsi – dichiara il candidato sindaco – hanno trovato conferma da quanto rappresentato dal dirigente del Settore Urbanistica del Comune di Avezzano e dal Commissario Prefettizio Mauro Passerotti. Anche i rilievi in corso da parte della Polizia Locale sembrerebbero confermare le criticità tecniche e sanitarie già evidenziate.

Gli spazi, oltre ad essere fatiscenti, non consentono il distanziamento sociale e la sanità marsicana, al momento, non sarebbe assolutamente in grado di rispondere efficacemente ad un improvviso afflusso di pazienti”.

“Nell’ immobile, inoltre, – conclude – non sono ammissibili destinazioni connesse alla residenza o all’alloggio, anche se momentaneo. L’uso della struttura risulta, infatti, esclusivamente di tipo didattico. Il Prefetto prenda atto dell’indisponibilità e proceda ad individuare un altro alloggio, nel rispetto dei cittadini marsicani, ma anche degli ospiti. Le persone vanno tutelate”.
COMUNICATO STAMPA